Claudio Bargero

Vai al mio profilo / Se mi conosci votami

Consulente finanziario

Top MoneyController Financial Educational Awards
MoneyController Financial Educational Award
Finecobank
Torino
Da € 20/40MLN
Oltre a 10 anni
Laurea
59 anni
1510
21/04/2022

Vai al mio profilo

24 post - 2.766 letture


OBBLIGAZIONI EUROZONA. LO STRANO CASO DI INFLAZIONE IN CALO E DI RENDIMENTI IN AUMENTO

  • 132
  • 0
  • Titoli di Stato, Spread e Tassi di i
Scritto il 08.04.2024

La settimana appena conclusa ha dato l'avvio del secondo trimestre per i mercati finanziari in maniera più riflessiva rispetto ai mesi precedenti piuttosto scoppiettanti. Le borse mondiali hanno registrato un moderato calo, i rendimenti delle obbligazioni sono saliti mentre le materie prime hanno proseguito il trend rialzista. Dal punto di vista macro occorre evidenziare una significativa divaricazione tra il dato inflazionistico europeo sorprendentemente in calo e quello statunitense superiore alle aspettative. Venerdì sono usciti in Usa i nuovi dati sul mercato del lavoro che certificano una crescita robusta dell'occupazione accompagnata da una dinamica salariale moderata.   Per quanto riguarda l'eurozona occorre evidenziare un dato di non semplice comprensione: a fronte di buoni dati sull'inflazione che scende più del previsto si è verificato un aumento dei rendimenti dei titoli governativi, sia quelli core (Bund) sia quelli periferici (BTP). Siamo di fronte ad un movimento anomalo che potrebbe rientrare nelle prossime settimane ed in tal caso sarebbe un'opportunità di acquisto. Oppure può essere la spia di uno scetticismo di fondo di investitori che considerano il rallentamento dell'inflazione qualcosa di episodico e non strutturale. Occorre peraltro notare che il movimento rialzista delle materie prime che è in atto da alcuni mesi potrebbe essere interpretato anche come un segnale di sfiducia nel raggiungimento dell'obbiettivo del 2% di inflazione.  Ricordiamo anche che lo scenario geopolitico (conflitto in Ucraina e in Medio Oriente) potrebbe mostrare segnali di peggioramento ed essere un ulteriore ostacolo alla discesa dell'inflazione.

Continua a leggere

MERCATI FINANZIARI. UN OTTIMO TRIMESTRE

  • 141
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 29.03.2024

I mercati finanziari chiudono il primo trimestre 2024 con dei risultati eccellenti su numerose tipologie di investimenti. Le azioni hanno visto diffusi rialzi sulle principali borse mondiali ma anche l'oro, il petrolio ed il bitcoin hanno esibito ottime performance. Non hanno partecipato alla festa le obbligazioni che, pur mostrando una volatilità contenuta, hanno fornito risultati decisamente modesti e nel caso dei bond governativi addirittura negativi (eccezion fatta per i BTP). Eppure, soltanto qualche mese fa molti analisti avevano pensato al 2024 come l'anno dei bond. Il loro ragionamento era semplice: il rallentamento dell'inflazione avrebbe indotto le Banche Centrali ad avviare già da marzo il taglio dei tassi di interesse che sarebbe poi proseguito nei mesi successivi; si stimava per l'anno in corso almeno sei sforbiciate. In uno scenario del genere, con rischi limitati, si poteva acquistare obbligazioni di medio lungo periodo e poi aspettare che il lavoro della Bce  (e della Fed) andasse a produrre incrementi di valore in conto capitale. Cosa ha ostacolato la realizzazione di questo obiettivo? Le cause possono essere molteplici; proviamo ad evidenziare le principali. L'inflazione si è mostrata più appiccicosa del previsto e se il percorso di riduzione appare chiaro occorre prendere atto che la sua velocità è in rallentamento. Le aspettative sui tassi hanno registrato questo cambiamento di scenario tanto che i primi tagli non sono previsti prima del mese di giugno. I dati sulla crescita economica hanno mostrato un'accelerazione in particolare negli Usa facendo emergere un'ipotesi che lo scorso anno non veniva presa in considerazione: è possibile il rientro da una violenta fase inflazionistica ( combattuta con robusti rialzi dei tassi) senza mandare l'economia in recessione. Con il PIL che sorprende al rialzo non stupisce che anche gli utili delle aziende vengano aggiornati in miglioramento. Inoltre, l'intelligenza artificiale, soprattutto negli Stati Uniti, sta mostrando di poter rendere più efficienti le aziende contribuendo ad aumentarne la produttività. Molti investitori negli ultimi tre mesi - tenendo conto di questi fattori - hanno alzato l'asticella del rischio ed hanno utilizzato la liquidità acquistando azioni. Ed i risultati li stanno ora premiando. Le obbligazioni si sono trovate in uno scenario poco attraente sia dal punto di vista macro (inflazione e PIL)  sia da quello micro (utili aziendali). Adesso serpeggia tra molti investitori che tatticamente hanno privilegiato i bond una certa frustrazione per non aver beneficiato, se non in maniera molto parziale, di un trimestre straordinario. Occorrerebbe ancora analizzare la svolta (moderatamente) restrittiva della politica monetaria della Bank of Japan e dell'andamento divergente in borsa delle "Magnifiche 7" società tecnologiche.  Ne parleremo nel prossimo post.

Continua a leggere

Lo spread scende, ma i rendimenti deludono

  • 267
  • 0
  • Titoli di Stato, Spread e Tassi di i
Scritto il 19.02.2024

Il 2023 si è concluso con un diffuso ottimismo da parte di molti investitori che ipotizzavano nel nuovo anno una prosecuzione del trend positivo per i mercati finanziari in grado di coinvolgere le azioni ed i bond. Ad oggi si può dire che questo scenario non si è verificato ed abbiamo assistito ad una divaricazione di performance a tutto vantaggio dei mercati azionari. Inaspettata robustezza dell'economia americana; utili trimestrali complessivamente superiori alle attese; positivo impatto dell'intelligenza artificiale sui conti aziendali di primarie aziende come Amazon e Microsoft: sono questi i dati che agli occhi di investitori attenti non sono certo passati inosservati. E così in un ipotetico portafoglio bilanciato la parte di liquidità è stata dirottata proprio sull'azionario, magari con una selettività in grado di premiare il settore tecnologico.  Gli investitori sono invece stati più riluttanti nei confronti delle obbligazioni che hanno sofferto in particolare i dati inflazionistici insoddisfacenti che rendono complesso il raggiungimento del cosiddetto ultimo miglio in grado di riportare, dopo due anni terribili, il livello dei prezzi al 2%. Questi dati spostano il momento del primo taglio dei tassi intorno al mese di giugno, mentre solo alcune settimane fa si ipotizzava un intervento espansivo già a marzo. Fed e Bce attenderanno nuovi dati su inflazione e mercato del lavoro per avviare i primi tagli. In questo scenario Treasury, Bund, Btp ed altre obbligazioni governative, ad eccezioni di quelle cinesi, hanno subito un calo delle quotazioni non compensato dal flusso cedolare garantito da questi titoli.  Possiamo inoltre rilevare che in una generale fase di debolezza internazionale delle obbligazioni i BTP non hanno sfigurato ed anzi nei confronti dei titoli tedeschi (Bund) hanno limato lo spread fin sotto 150 punti base: livello che non si vedeva da due anni. Non si può escludere che questa debolezza dei bond persista nei prossimi mesi, soprattutto nel caso in cui una crescita economica superiore alle previsioni rendesse meno urgente il taglio dei tassi da parte delle Banche Centrali;  in tal caso il compito di sostenere le quotazioni dei portafogli sarà sulle sole spalle delle azioni.

Continua a leggere

2023: una buona annata ma non tutti hanno partecipato al rialzo dei mercati.

  • 190
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 02.01.2024

I mercati finanziari nel 2023 appena terminato hanno prodotto risultati molto positivi sulla quasi totalità dei settori riportando così fiducia ad investitori che nell'anno precedente avevano assistito ad un grande crollo provocato dall' alta inflazione e dalla guerra in Ucraina. Peccato che molti investitori abbiano partecipato in modo limitato a questo rialzo. Proviamo ad evidenziare alcuni temi /riflessioni che più di altri hanno determinato un pessimismo spesso eccessivo. Le parole che ci hanno spaventato La recessione americana: l'economia più importante del pianeta è stata spesso vista sprofondare in una recessione in grado di provocare grossi problemi in particolare all'azionario; a sostenere questa visione vi era in particolare l'inversione della curva dei tassi USA (i titoli a breve con rendimenti superiori di quelli a lunga scadenza). La spirale prezzi salari: l'inflazione veniva vista come un elemento molto pericoloso in quanto l'alto livello dei prezzi avrebbe scatenato richieste di aumenti salariali elevati a loro volta in grado di creare un circolo vizioso che avrebbe fatto salire a lungo l'inflazione. La stagflazione: la coesistenza di un alto livello inflazionistico con un'economia in  stagnazione ; si tratta di uno scenario molto negativo che ricorda gli anni settanta del secolo scorso. L'insostenibilità dei debiti pubblici: l'alta inflazione ed i conseguenti ripetuti rialzi dei tassi da parte delle Banche Centrali potevano portare i rendimenti delle obbligazioni governative ad un livello così alto da rendere difficile la gestione dei debiti pubblici. Questi quattro eventi non si sono verificati ma spesso hanno impedito a molti investitori di avere una visione più costruttiva sui mercati; in tal modo le novità positive che pure erano presenti non sono sempre state adeguatamente colte. Mi riferisco in particolare al fenomeno dell'intelligenza artificiale che avrà un impatto economico dirompente nei prossimi anni. In uno scenario così complesso molti investitori hanno pensato che la miglior tattica fosse di prendere profitto ogni volta che uno strumento finanziario presentava un guadagno considerato soddisfacente; invece i cali delle quotazioni non sempre sono stati considerati come occasioni di acquisto. Da novembre è tornato l'ottimismo Detto questo, occorre prendere atto che da novembre le nubi si sono rapidamente dissolte producendo uno straordinario rally su azioni e bond. Alla base di questo rialzo vi sono le attese per un mix virtuoso nel 2024 in cui l'inflazione cala, le Banche Centrali tagliano robustamente i tassi, gli utili aziendali si confermano soddisfacenti e le economie rallentano ma non vanno in recessione. Si tratta di uno scenario molto ottimistico che se non si realizzasse completamente potrebbe premiare le azioni o i bond ma non entrambi come è successo nel 2023.

Continua a leggere

La Bce non si muove ma i BTP vedono il taglio dei tassi.

  • 125
  • 1
  • Titoli di Stato, Spread e Tassi di i
Scritto il 18.12.2023

Un investitore che si fosse addormentato ad inizio novembre per risvegliarsi soltanto oggi penserebbe , osservando il valore del portafoglio, di essere ancora nel mondo di sogni, belli ma non realistici. I mercati finanziari in meno di due mesi hanno registrato dei risultati eccellenti e per certi aspetti impensabili che hanno coinvolto la quasi totalità dei settori di investimento: azioni delle big e delle small cap, obbligazioni governative e corporate per ogni tipo di scadenza ed anche l'oro. In questo quadro positivo hanno spiccato le performance dei BTP con rivalutazioni decisamente superiori ad altri governativi ( ad esempio Bund e Treasury). Unica nota negativa è la persistente debolezza del mercato cinese.   Alla base di questo rialzo vi sono le attese inflazionistiche e le conseguenti mosse delle Banche Centrali.  I recenti dati mostrano un'inflazione in rallentamento sia in USA sia nell'eurozona, mentre gli indicatori anticipatori del ciclo segnalano nel complesso una frenata dell'attività economica. Nei giorni scorsi si sono espresse Fed e BCE. La prima pur mantenendo invariati i tassi ha mandato segnali coerenti con una serie di tagli nel 2024. La Bce vede prezzi in graduale riduzione ma attende nuovi dati, anche sul mercato del lavoro, per avviare il taglio dei tassi; nel frattempo rafforza l'intonazione restrittiva diminuendo il reinvestimento dei titoli in scadenza del programma PEPP ( ricordiamo che la flessibilità di questo strumento è particolarmente importante per contrastare la frammentazione della politica monetaria nell'eurozona).   Nei fatti la Fed si mostra più rapida nel recepire uno scenario mutato ed i mercati pensano che farà da traino, anche per motivi di equilibri valutari, ai tagli che pure la BCE dovrà fare nel 2024. Per questo motivo ad esempio i futures sull'euribor vedono sei tagli dei tassi nel 2024 con una sforbiciata di 1,5%; sarebbe una boccata di ossigeno per i mutui a tasso variabile ma nulla nelle parole di Lagarde fa presagire questo scenario. In sostanza ci troviamo in una situazione di ottimismo, forse eccessivo da parte degli investitori, che intravedono un 2024 caratterizzato da un'inflazione in ritirata e da banche centrali che tagliano ripetutamente i tassi di riferimento e che per questa via attenuano la frenata dell'economia che sta arrivando. Si verificherà tutto questo nel 2024? Si tratta di uno scenario possibile ma l'economia potrà prendere altre direzioni ed in tal caso i mercati si muoveranno in maniera diversa.

Continua a leggere

Mercati finanziari: si è verificato un cambio di prospettiva?

  • 87
  • 1
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 06.11.2023

Nel precedente post abbiamo analizzato le ragioni di una fase positiva per il reddito fisso italiano; occorre ora rilevare che nella settimana appena terminata questo trend è proseguito ed ha coinvolto anche le obbligazioni globali ed i mercati azionari. Vediamo cosa è accaduto e cerchiamo di capire se si tratta di un fenomeno passeggero oppure se siamo in presenza di qualcosa di più persistente. Due fatti hanno dominato la scena economica. La FED, come previsto, ha mantenuto invariato il livello dei tassi utilizzando peraltro un linguaggio ambiguo sulle future mosse che non esclude ulteriori rialzi. Il secondo evento è legato al mercato del lavoro statunitense: i dati usciti venerdì scorso mostrano una creazione di posti nel settore non agricolo decisamente inferiore alle attese mentre il tasso di disoccupazione sale al 3,9%. Questi numeri dimostrerebbero che l'intensa stretta monetaria sta dando i suoi frutti rendendo inutili ulteriori ritocchi dei tassi. Dall'economia americana emergono così i primi segnali di rallentamento e lo scenario di un atterraggio morbido sarebbe ora più plausibile. Risulta evidente che se questa ipotesi fosse confermata da altri indicatori economici saremmo in presenza di un cambio di prospettiva con impatti importanti in grado di influenzare azioni e bond. La fine del rialzo dei tassi darebbe benefici al mercato azionario rendendo  meno attraente le cedole dei bond rispetto al livello di dividendi prodotti dalle azioni. Inoltre, per le aziende più indebitate (penso a molti titoli del settore tecnologico) permetterebbe un risparmio sugli interessi sul denaro preso a prestito. Per quanto riguarda le obbligazioni uno scenario di rallentamento economico (di solito accompagnato da una frenata dell'inflazione) andrebbe a sostenere le quotazioni dei titoli che in questi ultimi due anni hanno subito drastici cali. Un discorso a parte meritano i bond legati all'inflazione che in un contesto di prezzi in raffreddamento perderebbero di attrattività anche per la concorrenza dei titoli a tasso fisso che assicurano rendimenti superiori. Un altro tema di interesse riguarda la curva dei rendimenti delle obbligazioni che al momento mostra alcune situazioni anomale. Penso ad esempio ai titoli di stato biennali statunitensi e tedeschi che presentano un rendimento superiore a quelli decennali.  In questo caso la curva dei rendimenti è invertita ma in un nuovo scenario in cui i tassi cessano di aumentare si potrebbe tornare ad una situazione più normale in cui a scadenze più lunghe corrispondono rendimenti superiori.

Continua a leggere

BTP: le ragioni di un recupero.

  • 341
  • 1
  • Obbligazioni - investimenti obbligaz
Scritto il 30.10.2023

Nell'ultima settimana abbiamo assistito ad un recupero delle quotazioni dei Btp e ad un restringimento dello spread rispetto agli analoghi titoli tedeschi ( bund). Anche oggi questa tendenza pare confermarsi con i  prezzi in ascesa dei titoli di stato italiani. La notizia ha portato un leggero sollievo agli investitori che detengono i BTP in portafoglio. Questo fatto si verifica in un contesto di mercato quanto mai incerto nel quale ai ben noti temi della dinamica dei tassi internazionali e del rallentamento economico europeo si somma la grave crisi mediorientale che può impattare su prezzo del petrolio e attraverso questo canale surriscaldare l'inflazione e rendere ancora più restrittive le politiche monetarie delle Banche Centrali. Cerchiamo di capire le ragioni di questo momento positivo dei titoli di stato italiani. Certamente la conferma del rating sul nostro paese da parte di S&P e di DBRS ha avuto un impatto favorevole. Altra notizia importante: il Tesoro prevede che da qui a fine anno le emissioni nette di BTP saranno negative; questo significa che le scadenze di titoli saranno superiori ai nuovi collocamenti, provocando un effetto di scarsità. Ma il fattore che più ha influenzato i prezzi dei BTP riguarda le decisioni prese giovedì scorso dalla BCE. Apparentemente non è successo nulla in quanto i tassi non sono stati modificati (dopo dieci aumenti consecutivi). Vi è però una notizia positiva che non era scontata dal mercato: i titoli di stato comprati dalla BCE nell'ambito del Piano Antipandemico  PEPP continueranno ad essere reinvestiti a scadenza; questo è molto importante perché il PEPP, a differenza degli altri piani europei,  non è tenuto a rispettare le quote di ripartizione tra gli emittenti e potrebbe consentire alla BCE di sostenere i paesi in maggiore difficoltà nella gestione del debito pubblico.

Continua a leggere

L'economia rallenta ma la BCE aumenta i tassi

  • 86
  • 0
  • Titoli di Stato, Spread e Tassi di i
Scritto il 18.09.2023

Il fatto economico più significativo della scorsa settimana è certamente il rialzo dei tassi di interesse da parte della Bce. Si tratta di una decisione in parte sorprendente se si considerano i recenti dati  dell'eurozona che mostrano un'economia in rallentamento e che rendono  concreto il rischio di recessione nei prossimi trimestri.  Per quanto riguarda il tema dell'inflazione nell'eurozona i dati mostrano un rallentamento insufficiente così che l'obiettivo del due per cento verrebbe raggiunto soltanto nel 2025. Di fronte a questi dati che di fatto prefigurano un quadro di stagflazione la Bce ha deciso, in coerenza con il suo mandato di controllo della stabilità dei prezzi ( a differenza della Fed che ha per statuto il doppio mandato e deve prestare attenzione anche al dato sull'occupazione) di proseguire il lavoro di contrasto dell'inflazione. Si tratta di una decisione controversa - lo dimostra il fatto che il Consiglio ha deciso non all'unanimità - che solleva dubbi in quanto l'inasprimento delle condizioni finanziarie avrà certamente un impatto negativo sulla crescita economica, sull'erogazione del credito da parte del sistema bancario e di conseguenza sugli investimenti.  Aspettando il pivot Le parole della Lagarde a commento del rialzo dei tassi hanno attirato l'attenzione degli analisti in quanto lasciano ipotizzare, a meno di dati nei prossimi mesi di un'inflazione fuori controllo, che sia stato raggiunto il picco sui tassi. Alcuni addirittura scommettono che saranno proprio i deboli dati sulla crescita economica dei prossimi trimestri a costringere la Bce già nei primi mesi del 2024 a tagliare i tassi realizzando il cosiddetto pivot di cui da mesi invano si discute, anche negli USA.  La reazione dei mercati ed i movimenti dell'euribor I mercati europei hanno reagito in maniera composta, con un rialzo delle borse e un lieve calo dei rendimenti obbligazionari;  il dollaro ha proseguito il rafforzamento nei confronti dell'euro. Nell'attuale contesto di mercato le mosse della Bce (in particolare il tasso sui depositi che ha raggiunto il 4%) introducono delle novità importanti in quanto rendono attraenti una categoria di strumenti che finora hanno goduto di scarsa attenzione: le obbligazioni a tasso variabile indicizzate all'euribor. Vi sono titoli che possiedono tali caratteristiche con scadenze diverse e con rendimenti che possono anche essere superiori ad obbligazioni a tasso fisso di pari durata.  

Continua a leggere

AGOSTO INIZIA CON UN RIBASSO SUI MERCATI

  • 142
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 07.08.2023

I mercati finanziari nella prima settimana di agosto hanno registrato un calo significativo che ha coinvolto azioni ed obbligazioni. Il sorprendente declassamento del debito statunitense da parte dell'agenzia Fitch è stato certamente il fattore più importante che va però inquadrato in un contesto di robusti rialzi delle azioni nei primi sette mesi dell'anno; è possibile che abbiano influito le prese di beneficio dopo una grande corsa dei mercati. Le prossime settimane ci diranno di più e andrà valutato in particolare il nervosismo sulla parte lunga della curva obbligazionaria. Il mese di luglio si era concluso con le mosse delle Banche Centrali: come previsto FED e BCE hanno rialzato di 0,25% i tassi di interesse; il linguaggio adottato - contrariamente alle precedenti riunioni - è sembrato neutrale e le future mosse a settembre saranno dettate esclusivamente dai prossimi dati economici. Più sorprendenti appaiono le decisioni di Bank of Japan che pur confermando il livello dei tassi ha introdotto una maggiore flessibilità sulla curva dei rendimenti; l'argomento è un po' complesso ma resta il fatto che la mossa esercita una pressione al rialzo sui rendimenti dei bond giapponesi ed indirettamente sulle obbligazioni globali. Con i dati (positivi) di Amazon di giovedì scorso può di fatto considerarsi chiuso il tema delle trimestrali americane. I numeri nel complesso mostrano un quadro non esaltante in cui gli utili sono in flessione rispetto allo scorso anno anche se i bilanci nella maggior parte dei casi hanno battuto le stime degli analisti. Saranno anche importanti le prossime due trimestrali in quanto parte degli effetti della stretta monetaria si manifesterà nella seconda parte dell'anno.  Una importante divaricazione è in atto tra le due sponde dell'Atlantico: mentre in America l'economia è in ripresa con mercato del lavoro robusto che sostiene i consumi ,  nell'eurozona le politiche monetarie restrittive hanno avuto un impatto negativo maggiore e lasciano supporre una fase di stagnazione economica.   In questo scenario va evidenziato che è in contrazione il credito bancario destinato alle imprese,  per motivi legati sia alla domanda (il denaro è più caro) sia all'offerta (maggiore cautela nell'erogazione per timore dell'aumento delle insolvenze); questo aspetto indebolisce le prospettive di crescita nei prossimi trimestri e frena gli investimenti. La riduzione dei prestiti è importante anche nell'ottica della costruzione dei portafogli in quanto la parte di investimenti che si intende destinare alle obbligazioni societarie andrebbe orientata su titoli solidi, con buon rating creditizio ed in grado di reggere i maggiori costi di indebitamento. Le obbligazioni legate all'inflazione sono un altro tema da osservare; nello scorso anno e nei primi mesi del 2023 esse hanno costituito un importante elemento di protezione dei portafogli, soprattutto con il flusso di cedole crescenti. Ora questa dinamica, con l'inflazione in rallentamento, si sta invertendo e la presenza di tali strumenti nei portafogli andrebbe ridimensionata.

Continua a leggere

L'ESTATE DEI MERCATI FINANZIARI

  • 116
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 17.07.2023

Il primo semestre dell'anno ha visto un apprezzamento dei portafogli anche se non sono mancate le sorprese. I mercati azionari hanno mostrato rialzi significativi ma disomogenei i cui due estremi sono l'eccellenza della tecnologia e la delusione della borsa cinese. Le obbligazioni hanno patito per una dinamica inflazionistica ancora troppo alta e per il conseguente rigore delle Banche Centrali: i risultati sui bond sono stati decisamente modesti e sono arrivati più dal flusso delle cedole che da rivalutazioni in conto capitale. I DATI ECONOMICI DI LUGLIO Le prime due settimane di luglio hanno fornito dati economici importanti. L'inflazione americana è in rallentamento oltre le attese, sia nei prezzi al consumo sia in quelli alla produzione: questi dati rafforzano l'idea che il rialzo dei tassi programmato dalla Fed a fine luglio sia l'ultimo e non vi saranno ulteriori ritocchi. Gli indicatori sulla manifattura (PMI) in Europa, negli Stati Uniti ed in Cina segnalano contrazione economica essendo essi inferiori alla soglia 50 e nei prossimi mesi, in assenza di novità positive, la produzione dovrebbe subire un calo. Il mercato del lavoro statunitense rimane robusto.  I salari crescono oltre le previsioni : si tratta certo di una buona notizia per i diretti interessati ma rappresenta un problema per il rischio di una spirale prezzi-salari che non lascerebbe indifferente la FED. Occorre peraltro notare che l'inflazione è stata alimentata anche dall'avidità delle imprese che dal 2022 non hanno esitato a ritoccare i prezzi di vendita di beni e servizi anche oltre l'aumento dei costi di produzione a vantaggio dei loro profitti (si tratta della cosiddetta "greedflation"). LA REAZIONE DEI MERCATI Gli investitori hanno preso atto di queste informazioni e si sono mossi di conseguenza:  L'euro si è rafforzato sul dollaro in quanto si pensa che la BCE - partita in ritardo nel contrasto all'inflazione - dovrà ancora alzare i tassi almeno due volte. I rendimenti dei titoli di stato USA (treasury) sono scesi rapidamente in un momento in cui quelli europei hanno visto un calo meno vistoso. Le borse nel complesso sono state toniche, con numerosi indici che sono sui massimi da inizio anno, mostrando così di dare più rilevanza ai buoni dati sulla frenata dell'inflazione rispetto agli indicatori che invece segnalano un rallentamento economico. Occorrerebbe ancora parlare, in questo scenario in parte mutato, delle prospettive dei titoli legati all'inflazione, dell'impatto che le strette monetarie hanno sui bond a basso rating ed anche delle trimestrali Usa. Sarà il tema del prossimo articolo    

Continua a leggere

LA DEBOLEZZA DELLE OBBLIGAZIONI ED IL BTP VALORE

  • 379
  • 3
  • Obbligazioni - investimenti obbligaz
Scritto il 29.05.2023

Ad inizio anno vi erano delle aspettative positive sul mercato obbligazionario un pò per i prezzi decisamente bassi toccati nel 2022 che lasciavano supporre un rimbalzo ed un pò per la dinamica inflattiva che veniva vista in calo a seguito del prolungato ciclo di aumento dei tassi di interesse da parte delle principali Banche Centrali.  Ad oggi questa evoluzione positiva sui bond non si è realizzata ed i portafogli che sono stati orientati in tale direzione hanno prodotto risultati insoddisfacenti. Il principale fattore che ha giocato contro i bond è rappresentato dalla persistenza dell'inflazione (non è un caso che spesso venga definita sticky cioè appiccicosa) ed in particolare di quella core che esclude i beni più volatili (alimentari ed energia). Più profittevoli sono stati i mercati azionari aiutati da dati macroeconomici superiori alle attese e da un settore tecnologico in grande spolvero dove le tematiche dell'intelligenza artificiale hanno suscitato un crescente interesse (nel mio post del 27 febbraio avevo già evidenziato le potenzialità di questo filone di investimento). Il collocamento del BTP Valore Nei prossimi giorni il Tesoro collocherà un nuovo titolo di stato rivolto ai risparmiatori italiani: il BTP Valore, con scadenza quattro anni, cedola crescente al termine del secondo anno e premio fedeltà dello 0,5% per chi lo deterrà per tutta la durata. Rispetto a collocamenti precedenti (BTP Italia) notiamo che la scadenza è più breve ed anche il meccanismo diverge in quanto sganciato dalle dinamiche dell'inflazione. In un momento in cui, per motivi diversi, sia la BCE sia le banche nazionali stanno riducendo il peso dei BTP con questo strumento il Tesoro punta a riportare una quota crescente del debito pubblico nelle tasche delle famiglie. Il tasso di rendimento verrà comunicato nei prossimi giorni e da questo dato si dovrà partire per dare un giudizio sul titolo, comparandolo con altre obbligazioni acquistabili sul mercato secondario.  Possiamo rilevare che in questo momento sui mercati non vi sono segnali di tensione specifici sui BTP, le emissioni finora sono state assorbite dagli investitori e si nota anche un ritorno della componente estera, oltre al retail domestico. L'opportunità di inserire nel portafoglio tale titolo deve essere valutata caso per caso tenendo conto del profilo di rischio e dell'orizzonte temporale dell'investitore.  

Continua a leggere

MERCATI FINANZIARI INSTABILI: COME SONO CAMBIATE LE DOMANDE DEI RISPARMIATORI

  • 55
  • 2
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 27.04.2023

Il fenomeno economico che nell'ultimo anno ha avuto la maggiore rilevanza sulle famiglie italiane è certamente l'inflazione che ha provocato una  perdita significativa del potere di acquisto, non essendo riuscite  le retribuzioni a restare al passo con l'aumento dei prezzi. Questo evento ha  impattato sui consumi, sulle richieste di finanziamento, sulle scelte di investimento ed sui risparmi. Soffermiamoci ora su questo ultimo aspetto: l'ISTAT ci fa sapere che nell'ultimo trimestre del 2022 la propensione al risparmio delle famiglie italiane ha subito un netto calo, attestandosi al 5,3% ( ben due punti in meno del precedente trimestre). Occorre peraltro osservare che proprio l'inflazione e le misure adottate dalle Banche Centrali  per ridimensionarla (ripetuto aumento dei tassi di interesse) sono state le cause principali  di risultati finanziari negativi  dei portafogli da inizio del 2022. In questi primi mesi del 2023 abbiamo assistito ad un limitato e disomogeneo recupero dei mercati insufficiente a rasserenare gli investitori.Alcune aree geografiche hanno addirittura mostrato un andamento negativo, come ad esempio le borse cinesi.  Le famiglie sono così state doppiamente danneggiate da un fenomeno - l'inflazione - che ha eroso il potere di acquisto ed ha ridimensionato i patrimoni. Personalmente ho potuto riscontrare dal confronto con i clienti la loro preoccupazione su questi argomenti. In particolare ho notato rispetto allo scorso anno un cambiamento importante: allora le domande degli investitori  erano  orientate ad una  conoscenza più approfondita su cause e possibili evoluzioni del fenomeno inflattivo ed anche sugli  impatti economici della guerra in Ucraina; oggi, oltre  al tema  dell'aumento dei prezzi, sono cresciute le richieste di informazioni  sulle implicazioni nei portafogli  dei recenti dissesti bancari negli Stati Uniti ed in Svizzera. Credo che in momenti difficili come questi il consulente finanziario abbia un ruolo sociale importante che va oltre le proposte di investimento contribuendo ad accrescere la cultura economica e la  consapevolezza delle scelte dei clienti.

Continua a leggere

Condividi