Giovanni Donini

Vai al mio profilo / Se mi conosci votami / Follow me

Consulente finanziario

Top MoneyController Financial Educational Awards
MoneyController Financial Educational Award
MoneyController Financial Educational Award
MoneyController Financial Educational Award
MoneyController Financial Educational Award
MoneyController Financial Educational Award
Consultinvest Investimenti Sim S.p.a.
Milano, Monza Brianza
Non dichiarato
Oltre a 10 anni
Laurea
61 anni
2002
06/09/2016

Vai al mio profilo

241 post - 113.685 letture


Fondo Monetario Internazionale tra rallentamento e crescita

  • 985
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 22.01.2015

Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al ribasso la crescita del PIL mondiale per gli anni 2015 e 2016: la cosa curiosa è che nell'ultimo outlook del giorno 20 gennaio, sono stati corretti i parametri di crescita verso il basso (area euro) e verso l'alto (Nord America), confermando poi un andamento soddisfacente per la zona Asiatica, nonostante il rallentamento della Cina, che sta attuando una serie di riforme strutturali, che certamente porteranno i loro frutti negli anni a venire, quelle riforme che sono ben lontane dall’essere attuate nella zona euro. L'abbassamento del prezzo del petrolio è comunque un toccasana per l'economia mondiale, ad eccezione di quei paesi dove la ricchezza prodotta dipende quasi esclusivamente dall'estrazione del greggio. Tenendo presente che forse solo la Norvegia è in break even tra produzione e vendita, tutti gli altri paesi si vedranno costretti a ricorrere ad “alchimie finanziarie” per sostenere tale regime di prezzi, che diventa quindi una perdita secca (Russia, Libia, Venezuela, Arabia Saudita ed altri). Il problema è dunque politico non economico ma certamente salutare per l’intera comunità mondiale e, per questo, rimaniamo in attesa di sviluppi per i prossimi mesi, certi anche del fatto che ogni Stato aumenterà le riserve strategiche, così come stanno facendo gli Stati Uniti. Certo che dai massimi del 2008 (132 $) passando per i minimi del febbraio 2009 (39 $) di strada ne è stata fatta. A noi qui interessa qui evidenziare che se l’economia americana è cosi solida e poco volatile oggi, dopo il QE e il successivo Tapering, i cittadini si ritroveranno ulteriori dollari in tasca da spendere, mantenendo alti i consumi. Credo forse sia venuto il momento di considerare il mercato Nord Americano come generatore di bassa volatilità (non nulla!!) e di un premio di rischio sempre più alto. Forse un sogno per il risparmiatore italiano che vuole tanto rendimento e poco rischio: il vero paradosso dei nostri giorni.

Continua a leggere
Condividi