Francesca Felloni

Vai al mio profilo

Consulente finanziario

Finecobank
Torino, Cuneo, Asti, Biella, Novara
Fino a €20MLN
Fino 5 anni
Laurea
28 anni
650
06/04/2021

Leggi tutti i miei post


Siamo donne, non amiamo speculare…

  • 219
  • 4
  • Investimenti
Scritto il 07.05.2021

Secondo una ricerca svolta da Agos Monitor, il 74% delle donne si occupa in autonomia della gestione dell’economia domestica della propria famiglia, con proporzioni anche superiori nelle famiglie under 35 anni. Soltanto 30 anni fa, invece, era il marito nel 98% dei casi a occuparsi della finanza familiare (fonte Banca d’Italia). Indubbiamente, questi dati indicano che si è realizzato un grande cambiamento nella società italiana, con una maggiore indipendenza delle donne più giovani nella gestione quotidiana del denaro. Tuttavia, tale comportamento è ancora limitato all’ambito familiare, con scarsa propensione, invece,  alla gestione delle proprie finanze. A tutt’oggi, infatti,  solo il 45.9% delle donne tra i 18 e i 64 anni investe i propri risparmi (fonte Museo del Risparmio di Torino). Tra i 55 e i 64 anni addirittura 4 donne su 10 non risultano neanche essere intestatarie di un conto corrente, e questo dato è indipendente dal loro livello di istruzione (fonte Epistemen). Questi dati riflettono ancora, purtroppo, un’immagine stereotipata della famiglia, in cui la donna ha la responsabilità di gestire le spese quotidiane e l’uomo, invece, le spese finanziariamente più onerose (automobile, investimenti finanziari, immobili). Tuttavia, le difficoltà che le donne devono affrontare nel corso della loro vita sono superiori rispetto agli uomini:salari mediamente più bassi, interruzioni lavorative legate alla maternità, minori opportunità di progressione di carriera. Questo si traduce in contribuzione pensionistica inferiore rispetto agli uomini e rischio di riduzione del tenore di vita nella terza età, a fronte invece di una aspettativa di vita superiore rispetto a quella degli uomini. E’ pertanto evidente come la formazione alla pianificazione finanziaria delle donne italiane debba essere migliorata, al fine di consentire la trasformazione del capitale risparmiato in adeguati investimenti in grado di garantire rendimenti finanziari nel tempo. La disinformazione tende, invece, ad accentuare la distanza delle donne dal modo della finanza, tradizionalmente considerato ambito di interesse tipicamente maschile. Le poche donne che raggiungono ruoli apicali in ambito finanziario fanno ancora notizia, attestando quanto ancora si debba fare per superare la concezione del settore finanziario come club riservato al sesso maschile. Secondo una recente indagine svolta da Morningstar, le donne delegate alla gestione di fondi sono ancora poche; per esempio, in Italia sono 23 su 646 gestori (3.6%) e complessivamente sono responsabili di 81 portafogli (12,8% del campione) (vedi grafico) Per quanto riguarda il settore della consulenza finanziaria, le donne in Italia rappresentano solo il 21% degli iscritti. Eppure, diversi studi di finanza comportamentale hanno evidenziato come le donne abbiano sviluppato caratteristiche che possono tradursi in aspetti estremamente positivi in materia finanziaria: la tendenza alla pianificazione, il che rende le donne generalmente più stabili nella gestione del portafoglio e maggiormente in grado di  rispettare gli obiettivi definiti a priori, indipendentemente dalle oscillazioni de mercato; la tendenza a prediligere forme di investimento duraturee  quindi a prediligere la sicurezza       rispetto al rendimento; il minor rischio di incorrere nell’overconfidence, cioè l’eccessiva considerazione delle proprie capacità, con la sottovalutazione, invece, dei rischi che si stanno per intraprendere. Le donne sono invece generalmente più propense a raccogliere informazioni e disponibili a ricevere consigli. il minor rischio di incorrere nel confirmation bias, cioè nel rischio di selezionare mentalmente le informazioni che confermano le nostre convinzioni su un determinato investimento, eliminando invece quelle che ne sono in contrasto; il minor rischio dell’optimism bias ,cioè la tendenza a sovrastimare le probabilità di successo e a sottostimare i rischi, atteggiamento che può avere gravi conseguenze in ambito finanziario. la maggior attenzione ai temi ambientali, sociali e di governance, cioè ai  criteri ESG che sono alla base degli investimenti socialmente responsabili (SRI), settore finanziario attualmente in chiara espansione. Secondo un’indagine realizzata da Doxa, le tematiche ESG assumono una grande rilevanza per il 77% del campione femminile (otto punti percentuali in più rispetto a quello maschile). Inoltre il 76% delle donne risparmiatrici ammette che la presenza di programmi contro la disparità salariale e dedicati alla conciliazione lavoro/famiglia all’interno delle aziende influisce sulle proprie scelte di investimento. E’ tuttavia  innegabile la difficoltà per le donne a maturare una piena consapevolezza del proprio ruolo, decisionale e economico, in assenza di un adeguato supporto di educazione finanziaria. Al momento, la tendenza generale è quella di mantenere liquide le proprie disponibilità piuttosto che ricorrere a strumenti finanziari più evoluti. La conoscenza finanziariaè in grado, invece, di offrire protezione alle donne, consentendo loro di orientare gli investimenti  verso gli strumenti più adatti alle esigenze individuali di breve e lungo periodo, offrire protezione nel caso di periodi di emergenza imprevista (ad esempio l’attuale pandemia) oppure individuare il rischio di truffe celate dietro la promessa di facili guadagni. Inquesto contesto, il consulente finanziario è il professionista in grado di affiancarvi nel percorso di vita, raccogliere i vostri dubbi, aspettative o titubanze, aiutarvi nel tempo a colmare l’eventuale gap di cultura finanziaria e consentirvi, invece, di acquisire sicurezza in materia finanziaria, condizione fondamentale per l’empowering e il benessere individuale e familiare. Per ottenere questo, è indispensabile un approccio personalizzato, adattato su misura alle singole esigenze e situazioni economiche. In fondo, noi donne non siamo speculatrici, se ne sono accorti anche i ricercatori di finanza comportamentale!

Continua a leggere

Gli “autogol” da evitare quando si investe: come non farsi del male da soli

  • 302
  • 5
  • Formazione/Educazione Finanziaria
Scritto il 23.04.2021

Il peggior nemico dell’investitore – sosteneva Benjamin Graham, teorico dell’efficienza degli investimenti – è probabilmente l’investitore stesso. E’ ben noto, infatti, che le decisioni errate dettate dall’emotività o dall’ingenuità in materia riducono le performance del portafoglio. Non per niente esiste una branca dell’ economia, la finanza comportamentale, che studia la psicologia che si cela dietro le decisioni finanziarie, evidenziandone  gli errori più frequenti. Non sono solo le emozioni (come paura, insicurezza, orgoglio, rammarico, ecc.)adeterminare le scelte errate negli investimenti, ma anche i comportamenti razionali, i più insidiosi da individuare e correggere. In  particolare, gli errori in cui più comunemente incorre l’investitore sono: Assenza di strategia: in primis è fondamentale definire, possibilmente assistiti da un consulente, una strategia di investimento che tenga conto dell’orizzonte temporale dell’investimento (breve/medio/lungo), dell’ammontare del patrimonio disponibile, degli obiettivi e del grado di rischio tollerabile da parte dell’investitore. La fase di pianificazione finanziaria rappresenta il punto di partenza, il “GPS” che deve guidare le tappe successive. In assenza di questa fase preliminare, si incorre nel rischio di inseguire vanamente i trend giornalieri e di perdere di vista la propria meta.    Eccessiva movimentazione del portafoglio: variare spesso i propri investimenti rischia di erodere una buona fetta dei rendimenti a causa degli elevati costi di transizione. Evitare la frenesia: se è stato pianificato un obiettivo di medio/lungo termine, è corretto monitorare i risultati di breve termine, ma senza focalizzarsi su essi. È fondamentale mantenere gli investimenti per il periodo adeguato a far fruttare le scelte di portafoglio e raggiungere gli obiettivi prefissati. Inerzia: in alcuni investitori prevale, invece, l’inerzia a variare i propri investimenti in presenza di variazioni della qualità degli strumenti finanziari inizialmente selezionati e della propria situazione patrimoniale. Situazioni in cui, invece, sarebbe preferibile riallocare le proprie risorse su uno strumento finanziario più promettente o più in linea con le proprie esigenze. Dal punto di vista cognitivo, per alcuni investitori cambiare significa ammettere di aver sbagliato, per cui ad esempio preferiscono mantenere in portafoglio un’azione in caduta libera, nella speranza di recuperare in futuro le perdite. Al riguardo può venire in aiuto lo “stop loss”, ovvero la definizione a priori di un limite alle perdite consentite, in modo da  mettere al riparo il proprio capitale in caso di movimenti di mercato inattesi e repentini. La finalità dello “stop loss”è semplicemente quella di chiudere una posizione, anche se in perdita,  che tende a perdere ulteriormente valore. Comprare a un prezzo alto e vendere a un prezzo basso: in teoria, un buon investitore dovrebbe saper comprare a prezzi bassi e rivendere a prezzi alti. Molti investitori scelgono, invece, strumenti finanziari basandosi solo sui rendimenti pregressi, nella convinzione che si protrarranno anche in futuro. Talvolta, la scelta è suggerita da amici e conoscenti, oppure da mode momentanee e pericolose (secondo alcuni analisti è quello che si starebbe verificando adesso sui bitcoin…) Inoltre, non è detto che un basso prezzo costituisca sempre, a priori, una buona occasione di acquisto. L’investitore dovrebbe indagarne il motivo reale, non dando per scontato che si tratti di una temporanea sottovalutazione del titolo. Cosa che difficilmente una persona non del settore è in grado fare.   Assenza di diversificazione: la diversificazione è fondamentale per difendere il portafoglio dal rischio di perdite finanziarie. Quello che spesso l’investitore non considera è che diversificare non vuol dire semplicemente investire in azioni di società diverse operanti, tuttavia,  nello stesso settore o in fondi/ETF diversi che investono nelle stesse azioni. Diversificare significa, invece, investire in settori di mercato diversi, nonché distribuire i propri investimenti su asset class differenti (ad esempio equities, bonds, real estate, materie prime, ecc.).La diversificazione, inoltre, deve essere messa in atto conoscendo il grado di correlazione tra i prodotti finanziari in portafoglio. Con una corretta diversificazione, i rendimenti non soddisfacenti di alcuni strumenti finanziari potranno essere compensati dai rendimenti positivi di quelli ad essi non correlati, consentendo di superare i periodi di volatilità  dei mercati. Quale è, dunque, il ruolo del consulente finanziario? Aiutare l’investitore a pianificare la strategia, a diversificare il portafoglio, a cercare di ottimizzare i rendimenti  e, soprattutto, ad evitare decisioni sbagliate dettate dall’emotività o da errori cognitivi.Studi recenti hanno mostrato come avvalersi di un consulente preparato  sia in grado di offrire al  cliente un miglioramento del rapporto rischio/rendimento del portafoglio, rispetto a quanto sarebbe stato in grado di ottenere operando da solo. La normativa Mifid del settore ha esplicitato che la consulenza può rappresentare sicuramente un costo per l’investitore, ma va considerato però che l’assenza di essa ha altresì un altro tipo di “costo”, di cui chi investe non sempre ha piena consapevolezza. Parliamone insieme, sarò ben felice di approfondire l’argomento con chi è interessato a queste importanti tematiche. In fondo non parliamo solo dei vostri soldi, ma del vostro futuro…

Continua a leggere

Proteggere i propri risparmi con la Finanza Sostenibile e Responsabile: alcuni esempi che hanno fatto scuola

  • 213
  • 6
  • Investimenti ESG
Scritto il 16.04.2021

Gli investitori italiani hanno ancora poca consapevolezza di come le tematiche legate alla sostenibilità siano collegate alla reddittività dei propri investimenti e di come quindi, le tematiche ESG (Environmental, Social e Governance) debbano essere considerate nel processo decisionale di investimento per prevenire i rischi di perdite finanziarie. E’ stato dimostrato, infatti, che le imprese più attente ad aspetti quali impatto ambientale, tutela delle condizioni di lavoro, trasparenza nella condotta dei manager, sono anche quelle che hanno meno probabilità di incorrere in condanne giudiziarie, danni finanziari o reputazionali. A dimostrazione della correlazione tra la sostenibilità delle imprese e la loro solidità economico-finanziaria, è emerso che tra le 17 società, quotate sull’indice S&P 500, fallite nel periodo 2005-2015, ben 15 avevano totalizzato il punteggio più basso nei fattori ESG nel quinquennio precedente.  Alcuni esempi tratti dalla storia recente: -20 Aprile 2010, incidente nel Golfo del Messico in cui fu coinvolta la British Petroleum, (BP), società britannica operante nel settore petrolifero: solo l’anno precedente  l’azienda aveva avviato una campagna di rinnovo della propria immagine al fine  di contrastare la reputazione negativa associata alle compagnie petrolifere. Sforzo vanificato, tuttavia, dall’assenza di un effettivo cambiamento della propria politica ambientale. I milioni di barili di petrolio riversati nel golfo del Messico dalla piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, affiliata alla British Petroleum,causarono il più grave danno ambientale della storia degli Stati Uniti nonché un ingente danno finanziario alla società (e ai suoi investitori), il crollo del titolo in borsa e la condanna a risarcimenti miliardari. -Settembre 2015, il cosiddetto “Dieselgate”: Volkswagen fu scoperta falsificare le emissioni di vetture munite di motore diesel durante i test di omologazione e andò incontro alla discesa del proprio titolo in borsa, lunghe vicende giudiziarie, ingenti richieste di risarcimento e arresto di alcuni manager. -31 Marzo 2021, il flop in Borsa di Deliveroo: il colosso delle consegne online di cibo ha subito un crollo del 30% del  prezzo delle azioni rispetto al valore di collocamento e ha perso oltre due miliardi di sterline di capitalizzazione di mercato. Qualche segnale si era iniziato ad avvertire i giorni precedentiall’IPO, quando diversi fondi di investimento avevano dichiarato pubblicamente che non avrebbero investito in Deliveroo, accusata di essere un’azienda non in linea con le pratiche di investimento responsabile a causa del trattamento dei propri dipendenti, i rider. Si ritiene che a pesare su questo risultato siano state proprio le problematiche legate al profilo sostenibile della società, che hanno reso il titolo poco appetibile sulla Borsa. La vicenda Deliveroo è esemplificativa di come il concetto di sostenibilità non sia declinato solo come rispetto dell’ambiente (tant’è che Deliveroo si considera “green”: ad esempio ha introdotto l’opzione “no posate” per ridurre l’utilizzo di plastica). Insieme agli aspetti ambientali, gli aspetti sociali e di buon governo delle imprese sono parte integrante dei fattori ESG. Non solo quindi attenzione a come gli emittenti si pongono rispetto alle sfide ambientali, ma anche a come viene amministrata la stessa impresa (ad esempio, remunerazione dei vertici, rispetto delle leggi e dei codici di deontologia, assenza di corruzione e abuso d’ufficio, diversità e struttura del consiglio) nonché a quali sono le condizioni di lavoro ivi applicate. Diversi studi accademici e di mercato hanno dimostrato come solide pratiche ESG migliorino le prestazioni operative delle imprese. Ad esempio lo studio di AXA IM relativo al periodo Gennaio-Marzo 2020 ha  sottolineato come le società con punteggi ESG più alti (ESG Leaders) siano state in grado di resistere al crollo dei mercati provocato dalla pandemia con perdite più ridotte rispetto a quelle con rating ESG più basso (ESG Laggards) (vedi grafico). Fonte: AXA Investment Managers 2020 Inoltre, dal grafico successivo si nota come tutta la famiglia di indici sostenibili ha sovraperformato l’indice MSCI ACWI sempre nei primi tre mesi del 2020. Fonte: AXA Investment Managers 2020 Purtroppo, secondo una recente indagine della Consob, solo il 13% dei risparmiatori ha una buona conoscenza delle tematiche ESG, mentre più del 50% non ne ha mai sentito parlare. Se siete interessati all’argomento, sarò ben lieta di fornirVi tutte le informazioni utili ad avvicinarVi alla variegata realtà degli investimenti sostenibili e responsabili.

Continua a leggere

La liquidità “parcheggiata” sul conto corrente: ovvero come perdere senza accorgersene

  • 237
  • 7
  • Consulenza finanziaria
Scritto il 09.04.2021

Avrete di certo avuto notizia dell’intenzione di alcune banche di mettere in atto nel 2021 provvedimenti volti a mobilizzare le grandi masse di liquidità ferme sui conti correnti italiani. Tra le ipotesi in campo, vi è anche quella di addebitare commissioni di giacenza proporzionali alle cifre depositate. A motivo di ciò, le banche rivendicano gli aumentati costi di gestione della liquidità negli ultimi anni, causa i tassi di interesse negativi applicati loro dalla Banca Centrale Europea. Secondo i recenti dati dell’'ABI, l'Associazione Bancaria Italiana, al dicembre 2020 la quantità di liquidità “parcheggiata” sui conti correnti italiani ha raggiunto i 1.737 miliardi di euro, con una crescita di oltre il 10% rispetto al 2019. Di certo, i timori riguardo alla pandemia e al futuro dell’economia hanno fortemente contribuito a questo andamento, spingendo gli italiani a privilegiare i conti correnti rispetto alle diverse opzioni di investimento. Bisogna tuttavia notare che, a differenza di quanto comunemente ritenuto, questo approccio non rappresenta una scelta efficiente di allocazione dei risparmi.  Assenza di rendimento:I soldi parcheggiati sul conto, in genere, non fruttano alcun interesse, né rendimento. Inoltre, non vi è alcuna rivalutazione nel tempo di quanto accantonato, per cui, a fronte dei costi di tenuta del conto, il patrimonio “reale” subisce una decurtazione nel tempo   Inflazione: la perdita di potere d’acquisto per effetto dell’inflazione è una potenziale minaccia per il futuro dei nostri risparmi. Il risparmiatore generalmente non si accorge dell’impatto del rialzo dei prezzi sui propri risparmi depositati sul conto, perché guarda al valore “nominale”, non a quello “reale”. Se, tuttavia, consideriamo la media degli ultimi 20 anni dell’indice dei prezzi al consumo, pari all’1,7%, 10 mila euro depositati nel 2000 su un conto corrente oggi varrebbero solo 7.138 euro, ovvero il 30% in meno (vedi il grafico). Si aggiunga che, almeno secondo le previsioni della BCE, l’inflazione è destinata ad aumentare rispetto al livello attuale (vedi il grafico).  Con un’inflazione al 2% - obiettivo prefissato dalle autorità monetarie europee - 10mila euro sul conto corrente tra 10 anni perderanno fino al 18% del loro potere di acquisto, riducendosi a 8.171 euro, e in 20 anni la diminuzione arriverà fino al 33%. Imposta di bollo:in caso di giacenza media superiore a 5.000 euro è dovuta una imposta di bollo pari a 34,20 Euro l’anno, in base a quanto stabilito per legge.Gli investimenti finanziari, invece, sono gravati da una imposta di bollo pari allo 0,2% del valore totale degli strumenti finanziari detenuti, con un qualche risparmio fiscale rispetto alla liquidità giacente sul conto, almeno su certe giacenze. Ad esempio, chi possiede 10.000 euro in azioni pagherà solo 20 euro ogni anno di imposta di bollo.   Prelievo forzoso: tra i peggiori incubi degli investitori che detengono grande liquidità nel portafoglio, vi è il rischio di un prelievo forzoso da parte dello Stato. Ricordiamo tutti il precedente prelievo retroattivo del 6 per 1000 sui conti correnti delle banche italiane, da parte del Governo Amato, nella notte di venerdì 10 luglio 1992, per difendere la situazione di bilancio dello Stato Italiano, causa l’attacco speculativo dall’estero contro la Lira. Più recentemente, in ambito europeo, vi è stato il limite imposto ai correntisti delle banche greche di effettuare prelievi in contanti per evitare il rischio di assalto agli sportelli. Difficile che venga messa in atto tale misura in Italia. Tuttavia bisogna considerare che, al termine della pandemia, per il governo italiano si aprirà la sfida di contenere il debito pubblico, il che potrebbe rendere possibile ricorrere a misure restrittive sul piano fiscale. Visto lo scenario attuale, la miglior scelta sarebbe quindi quella di affidarsi a un consulente finanziario che affronti questo argomento con voi e individui le soluzioni più adatte alla vostra situazione patrimoniale, agli obiettivi di investimento e al vostro profilo di rischio. Gli strumenti finanziari a basso rischio oggi disponibili possono consentire da un lato di neutralizzare –in tutto o in parte - l’effetto dell’inflazione, dall’altro di ottenere un rendimento. Si pensi agli investimenti a capitale protetto, a strumenti finanziari come certe tipologie di obbligazioni o fondi a basso rischio, o comunque, per chi può permetterselo, a investimenti a medio-lungo termine. Nel caso foste interessati ad approfondire l’argomento, potete richiedere direttamente su questo sito un appuntamento telefonico (o una videochiamata) con me; sarò ben felice di fornirvi informazioni utili a cercare di migliorare la gestione delle vostre finanze personali.

Continua a leggere
Condividi