Alberto Bentivoglio

Vai al mio profilo

Consulente finanziario

Finecobank
Pavia, Milano
-
-
-
-
407
31/05/2018

Leggi tutti i miei post


L'importanza dell'ascolto

Scritto il 09.07.2018

Oggi riflettevo sull'importanza dell'ascolto, ascoltare per me è una "forma d'amore", Ascoltare è mettersi da parte per un pò e dire all'altro:" per me in questo momento sei la persona più importante del mondo", Ascoltare è mettersi nei panni dell'altro, guardarlo negli occhi e far sentire nel silenzio la propria presenza, Ascoltare è fare domande, interessarsi dell'altro con l'entusiasmo di un bambino, A volte mi rendo conto di quanto un concetto così semplice sia così difficile da applicare, Se vogliamo veramente bene, se siamo davvero interessati all'altro, ascoltare il nostro amico, compagno, cliente è un atto d'amore, uno degli atti d'amore più belli, E come dice il buon Rogers: "Quando qualcuno ti ascolta davvero senza giudicarti, senza cercare di prendersi la responsabilità per te, senza cercare di plasmarti, ti senti tremendamente bene. Quando sei stato ascoltato ed udito, sei in grado di percepire il tuo mondo in modo nuovo ed andare avanti. E’ sorprendente il modo in cui problemi che sembravano insolubili diventano risolvibili quando qualcuno ti ascolta. Quando si viene ascoltati ed intesi, situazioni confuse che sembravano irrimediabili si trasformano in ruscelli che scorrono relativamente limpidi." Ascoltando doniamo un pizzico di felicità in più! Approfondendo ulteriormente posso aggiungere: secondo me è la base di una relazione: l’ascolto da ‘ la possibilità di trovare una risposta senza parlare. Meglio non siamo noi a parlare ma perché amiamo l’altra persona sino a stare zitti, tanto che pare noi assenti. Ma questa “assenza” permette l’altro a tirar fuori il meglio di se’, proprio come diceva Rogers non si sente giudicato. Noi per amore accettiamo un suo pensiero ed in questa strettoia si inserisce qualcosa di” magico” (perché trova spazio) ed è così forte nella sua presenza che risponde a chi ha bisogno e riempie di pace soprannaturale chi ascolta. Questa è la base per tutto. Anche nel lavoro, di chiunque a livelli più bassi o più alti. Esso non ha livello. Il suo Amore è per tutti. L’importante è fare silenzio amando per far manifestare Lui. Ed io consulente per trovare la risposta finanziaria per un cliente non devo fare proprio questo? Pretendere di avere immediatamente la soluzione giusta? Ma questo si costruisca con il silenzio e si affina con il tempo. Se capisco aiuto chi ha bisogno di me (l’investitore). Non si tratta semplicemente di capire, ma entrare in completa sintonia con l’altro tanto che io devo volere quello che serve all’investitore e trasformarmi io stesso il medesimo investitore. Allora con l’interrelazione e fiducia reciproca si arriva ad un unico obbiettivo che rimane sempre e solo quello dell’investitore

Continua a leggere

L'intelligenza artificiale di oggi

Scritto il 22.06.2018

L’intelligenza artificiale (Artificial Intelligence - AI) potrebbe rappresentare il progresso più innovativo dalla rivoluzione industriale. Dopo decenni di eccessiva euforia e delusioni, l’AI è pronta ad alimentare la prossima ondata di innovazione, offrendo potenzialmente opportunità senza precedenti a societa' e investitori. Sembra che attualmente sia in corso una nuova rivoluzione e chiaramente questi cambiamenti presentano importanti sfide e opportunità per gli investitori a lungo termine.” Rob Lovelace, Gestore di portafoglio Viviamo in un periodo di profonda trasformazione. L’AI sta per trasformare la vita quotidiana di milioni di persone, al lavoro come a casa. Dalle auto senza conducente alle macchine in grado di conversare con gli umani, progressi un tempo considerati fantascienza stanno per diventare la norma. Le società in grado di trarre vantaggio da questi cambiamenti hanno il potenziale per generare nuovi profitti e offrire agli investitori nuove opportunità che pochi avrebbero anche solo immaginato un decennio fa. Le macchine sono in grado di pensare? Questa era la domanda posta da Alan Turing nel 1950. Turing, scienziato inglese, è considerato da molti il padre dell’informatica e una figura chiave dell’AI. Oggi, la risposta alla sua domanda è più vicina a un sì, in base a come si definisce il pensiero. Tuttavia, negli ultimi anni, si sono compiuti enormi progressi verso macchine in grado di capire senza che venga loro detto cosa fare. Le macchine utilizzano ragione, logica ed esperienza, nonché tonnellate di dati, secondo modalità decisamente umane e, per alcuni, allarmanti. Per alcuni, le macchine rappresentano una minaccia, soprattutto per il lavoro. Tuttavia, l’AI ha anche il potenziale di migliorare lo standard di vita in tutto il mondo, di offrire alle società nuove opportunità di profitto e di premiare gli investitori. Esistono periodi di cambiamento fondamentale in grado di trasformare il nostro modo di vivere e lavorare”, spiega il gestore di portafoglio Rob Lovelace. “Sembra che attualmente sia in corso una nuova rivoluzione e chiaramente questi cambiamenti presentano importanti sfide e opportunità per gli investitori a lungo termine. Oggi la situazione tuttavia è cambiata notevolmente. L’apprendimento profondo è un tipo di apprendimento automatico che utilizza reti neurali artificiali che indicativamente imitano il funzionamento del cervello. Una macchina può ormai imparare a eseguire attività, come il riconoscimento vocale o delle immagini, senza essere programmata per farlo. Anziché dover ricevere passivamente le informazioni per ogni eventualità, le macchine sono in grado di analizzare grandi quantità di dati utilizzando strati di reti neurali artificiali.

Continua a leggere
Condividi