Marco Minotti

Vai al mio profilo

Consulente finanziario

Top MoneyController Financial Educational
Allianz Bank Financial Advisors Spa
Como, Lecco, Milano, Monza e della Brianza, Varese
-
-
-
-
733
10/10/2018

Segnali di forte volatilità, incertezze e incoraggiamenti

Scritto il 03.07.2020

  I principali indici della Borsa Italiana, così come le principali piazze finanziarie europee, hanno registrato variazioni frazionali la scorsa settimana, segnalando una forte tendenza alla volatilità; l’aumento dei contagi in Giappone, così come negli USA, e il timore sempre maggiore di una nuova ondata di ritorno in Cina, sembra aver inciso negativamente sulla propensione al rischio.   Ai suddetti timori di ordine sanitario, si aggiungono le incertezze derivanti dal mondo della politica, il cui epicentro, ancora una volta, risiede negli Stati Uniti, dove l’esito delle prossime elezioni presidenziali sembra essere sempre più imprevedibile, con importanti segnali di vantaggio a favore del candidato democratico Biden. Le incertezze, in questo senso, derivano soprattutto dal fatto che, stando alle sue ultime dichiarazioni, Biden avrebbe l’intenzione di aumentare le imposte su società e reddito, oltre a voler riconsiderare alcune delle decisioni dell’attuale Presidente in materia di deregolamentazione, e va da sé che imposte più alte porteranno ad una erosione degli utili aziendali.   D’altra parte, l’Empire State Index per il settore manifatturiero nello stato di New York ha fatto segnare un rimbalzo: le vendite al dettaglio sono aumentate più del previsto, così come la produzione del mese di maggio, seppur in misura inferiore alle attese. Nel Regno Unito il mercato del lavoro ha sorpreso ancora in positivo in aprile, con la creazione di 6.000 nuovi posti di lavoro.   Dunque, segnali contrastanti che, come preannunciato, hanno determinato un rialzo dell’Economic Policy Uncertainty Index, basato, appunto, sul numero di notizie inerenti a fonti di incertezza e rischi sui principali quotidiani globali.

Continua a leggere

Prospettive nell’immediato futuro

Scritto il 01.07.2020

Dopo 50 giorni di un rally che potremmo definire “vigoroso”, cosa dobbiamo aspettarci ora dai mercati? Anche la settimana appena trascorsa si era aperta all’insegna della prosecuzione di un trend ormai duraturo, caratterizzato da un generale ottimismo sui mercati finanziari per il progressivo ritorno alla normalità, un graduale ritorno dell’appetito per il rischio, e la riduzione nella domanda di dollari come asset rifugio.   Ciò premesso, a mio modo di vedere ci si prospetta una fase di nuova volatilità, a fronte di eventuali notizie relative a nuovi focolai o a rallentamenti nelle riforme promesse dai governi. Pur volendo fortemente credere nel ritorno alla normalità e in una rapida crescita dell’economia, i mercati hanno infatti dovuto fare i conti con dati macro molto negativi, con il timore di una seconda ondata di contagi a partire dagli Stati Uniti e con l’allarme della Federal Reserve, che ha parlato di outlook estremamente incerto e di una strada lunga e tortuosa per la ripresa.   Questa non è però una notizia negativa, anzi, per certi versi rappresenterà una nuova opportunità di acquisto per chi ha investito in pac, o per chi, se e quando arriverà, vorrà sfruttare il momento.   In questi mesi i mercati hanno corso molto a fronte di un’economia reale in piena recessione, ma sappiamo anche che i mercati lavorano sulle aspettative, e in questo caso hanno scommesso sulla ripresa dell’economia dal 2021; è evidente che se le aspettative saranno contradette dai fatti si registrerà una nuova fase di volatilità, mentre al contrario un’uscita più rapida dalla crisi potrebbe dare nuova linfa ai mercati.   Personalmente, ritengo impensabile una crescita senza nuovi momenti di forte volatilità dei mercati, ma ciò non toglie che se ragioniamo con un orizzonte temporale di medio lungo termine, è fondamentale continuare ad accumulare, magari tramite un PAC.

Continua a leggere

Bilancio di fine giugno, a distanza di un mese dalla ripresa della mobilità

Scritto il 30.06.2020

A inizio mese l’Istat stimava una marcata contrazione del Pil nel 2020, con una caduta dell’8,3%, rimarcando, in particolare, come il dilagare dell’epidemia di Covid-19 e i conseguenti provvedimenti di contenimento decisi dal Governo abbiano determinato un impatto profondo, la cui quantificazione è tuttavia caratterizzata da un’ampia incertezza. Ancora più pessimista si era mostrata la Commissione europea, che ha ipotizzato un calo del Pil del 9,5% nel 2020. Anche l’inizio di questa settimana ha effettivamente generato qualche scompiglio; i timori di una seconda ondata epidemica hanno infatti indotto gli investitori alla cautela. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha registrato oltre 180.000 nuovi casi di Covid-19 rispetto al weekend precedente. D’altra parte, il graduale allentamento del lockdown in diversi Paesi sta contribuendo ad una lenta ripresa della vita sociale e dell’attività economica. Le statistiche sulle esportazioni dall’Asia sono positive e i PMI dell’area euro evidenziano un generalizzato incremento per questo mese, soprattutto nel settore dei servizi. Gli aumenti più significativi si sono registrati in Francia (+9,4), Paesi Bassi (+8,3), Spagna e anche Italia (entrambe +8,2), in netto miglioramento anche l'indicatore delle aspettative sull'occupazione. I dati in uscita nei prossimi giorni faranno probabilmente maggior chiarezza sul futuro dell’economia globale; diversi Stati renderanno infatti pubblici i PMI (Purchasing Managers Index, l'Indice composito dell'attività manifatturiera di un Paese), a partire dagli USA e dalla Cina, i due principali centri di interesse in quest’ultimo periodo.

Continua a leggere

Qualche riflessione sulle strategie di investimento

Scritto il 29.06.2020

Il dato sulla liquidità dei conti degli italiani è invero estremamente preoccupante: 54 miliardi. Nei mesi in cui le aziende erano ferme con il fatturato, in cui le famiglie erano serrate in casa e l’Italia era bloccata dal lockdown, le imprese italiane hanno aumentato la liquidità sui depositi bancari di 19,9 miliardi e le famiglie di 34,4 miliardi.   Certamente, un ruolo cruciale in questo senso l’ha svolto il periodo di crisi che stiamo vivendo, il quale ha generato una diffusa tendenza al disinvestimento dal risparmio gestito, con una contestuale avversione al rischio, tipica reazione degli italiani ai momenti di incertezza. È però del tutto evidente come questo atteggiamento, se pur comprensibile, non segua alcuna logica finanziaria ed anzi, rappresenti all’opposto un vero e proprio errore, soprattutto per la liquidità in eccedenza che oggi potrebbe essere allocata correttamente in una dimensione di pianificazione finanziaria.   Inoltre, per chi non si è limitato ad assumere un atteggiamento “attendista”, ma ha agito disinvestendo i propri risparmi, l’errore si è rivelato ancora più grave, figlio probabilmente della mancanza di un consulente capace di aiutare il cliente nell’analisi del nuovo scenario che andava delineandosi.   C’è da dire che oggi tanti attori si stanno muovendo in questo ambito: associazioni, scuole (corsi di educazione finanziaria) e consulenti finanziari. Questi ultimi in particolare stanno cercando di elevare il livello di conoscenza e consapevolezza delle persone, sì da evitare errori che per molti versi possono rivelarsi estremamente drammatici per le tasche ma anche per la vita futura degli italiani; non dimentichiamo, infatti, come scelte sbagliate in ambito finanziario possono provocare pesanti ripercussioni anche sulla vita privata, oltre che professionale. Ritengo, quindi, che sia necessario ponderare i propri investimenti con calma e lucidità, e in questo senso l’aiuto di un professionista è, il più delle volte, fondamentale.

Continua a leggere

Tratti distintivi del prossimo ciclo economico: cosa ci aspetta?

Scritto il 25.06.2020

Come sarà il prossimo ciclo economico? Il più lungo ciclo economico di tutti i tempi ha infatti avuto termine con l’inizio della crisi Covid: dopo undici anni, l'espansione economica successiva alla crisi finanziaria globale si è conclusa.   La diffusione del coronavirus su scala mondiale, l'attuazione di misure di contenimento estreme, l'interruzione delle catene di fornitura e l'impennata dello stress finanziario si sono sommati creando un enorme shock per l'economia mondiale, sia dal lato della domanda sia da quello dell'offerta. E ora, da cosa sarà caratterizzato il nuovo ciclo economico   Sicuramente il maggior indebitamento creato in questi ultimi mesi potrebbe portare ad un aumento di medio lungo termine della tassazione, a partire, ad esempio dalle tasse di successione. Per molti esperti è inoltre probabile che, qualora il governo italiano dovesse ricorrere alla leva fiscale per finanziare le casse dello Stato, lo farà con un condono fiscale o con una imposta patrimoniale; del resto il debito pubblico è in aumento e il Pil in contrazione, pertanto non può escludersi il ricorso alla leva fiscale per alimentare le entrate pubbliche.   Altro elemento importante sarà dato dalla diffusione/consolidamento dei processi ambientali e dalla digitalizzazione dell’economia, soprattutto quest’ultima sarà l’elemento caratterizzante del nuovo ciclo economico, e in questo senso sarà fondamentale il ruolo di stimolo dei governi.   Le aziende dovranno inevitabilmente robotizzare i propri processi produttivi, il che porterà ad un rallentamento della globalizzazione, o meglio, si parlerà di “nuova globalizzazione”, ossia una globalizzazione con meno delocalizzazione produttiva.   Sempre sul piano dell’evoluzione tecnologica, potrebbe finalmente compiere un decisivo passo in avanti la cd telemedicina, che apporterà benefici notevoli per tutti i soggetti coinvolti.   Infine, è assai probabile che riparta l’inflazione nel medio termine, e anche per questo sarà fondamentale avere un po’ di azioni in portafoglio per non perdere potere d’acquisto.   In conclusione, il mondo cambierà? Sì, è già cambiato.

Continua a leggere

Qualche consiglio che oggi più che mai trova conferma!

Scritto il 23.06.2020

L’accelerazione registrata dalle borse negli ultimi 50 giorni conferma l’importanza di avere nel proprio portafoglio investimenti legati ai megatrend dei prossimi anni.   Un po' di appetito al rischio sembra infatti essere tornato tra gli investitori: lo dimostrano gli andamenti in rialzo sui listini occidentali, gli acquisti che si sono visti in Asia e il primo declino del dollaro (che è diventato il re dei beni rifugio) dopo dieci rialzi consecutivi.   Chi non si è fatto cogliere dal panico di questa crisi sanitaria ed economica, ha infatti quasi totalmente recuperato lo storno di marzo, e per chi ha effettuato dei versamenti aggiuntivi è andata ancora meglio.   Potremmo così sintetizzare gli insegnamenti di questa crisi: I megatrend sono il futuro, ed è vitale averli in portafoglio. Essi infatti trasformano i mercati ed accelerano la selezione naturale tra le aziende, determinandone il successo o l’insuccesso. La diversificazione deve rappresentare un elemento chiave nella nostra pianificazione. L’obiettivo è far sì che le quote siano bilanciate in modo da ridurre il rischio complessivo del portafoglio stesso e massimizzare le possibili performance. Ricordarsi che quando le valutazioni scendono bisogna comprare, se non si compra al momento giusto, ossia quando i valori dell’azione sono a sconto, si corre il rischio di perdere un’importante occasione di guadagno.   In conclusione, se è vero che non possiamo pensare di prevedere il mercato, d’altro canto possiamo e dobbiamo concentrarci sulla nostra pianificazione finanziaria di medio lungo termine, cercando di cogliere le migliori opportunità nelle fasi di volatilità.

Continua a leggere

Ci sono finalmente segnali incoraggianti di ripresa

Scritto il 19.06.2020

In Italia è stato il capo della task force per la ripartenza, Vittorio Colao, a farvi riferimento, ma già si era sentito parlare della strategia del “martello e della danza”, un metodo per guadagnare tempo ed uscire dall’emergenza Covid19.   In poche parole: miliardi di persone hanno vissuto a lungo sotto al “martello”, ovvero sotto il peso di severe misure di distanziamento sociale per contenere il virus, e ciò ha permesso sia di ridurre il ritmo del contagio sia di pensare a che cosa fare nella prossima fase, quella della “danza”, in cui si allenteranno alcune misure in modo molto attento per evitare una seconda ondata.   Ebbene, anche negli USA, ad oggi il Paese più colpito, quasi tutti i 50 stati federali hanno decretato la parziale ripresa delle attività economiche ed eliminato le restrizioni, come dimostrano i dati sulla mobilità misurati da Google o i dati del settore automobilistico. Già nella seconda metà di aprile si è infatti registrato un aumento delle ricerche relative all’acquisto di auto, il che fa sperare in una ripresa degli acquisti veri e propri nei prossimi mesi.   In piena fase di “danza” è invece la Cina, prima vittima dell’epidemia, dove oltre il 99% delle grandi società cinesi e l’84% delle piccole e medie imprese hanno già da diverse settimane riaperto i battenti; sulla stessa scia si pongono anche Taiwan e Corea.   Segnali che fanno certamente ben sperare, ogni minimo cenno di crescita contribuisce a gettare le basi per una svolta positiva sui mercati, ma è anche vero che il futuro dell’economia e dei mercati dipenderà in gran parte dalle tempistiche sulla scoperta di un medicinale contro il Covid19, soprattutto perché una terapia efficace allevierebbe la pressione sui sistemi sanitari e consentirebbe un ulteriore allentamento delle misure di contenimento.

Continua a leggere

Restano delle carenze nella cultura finanziaria degli italiani

Scritto il 17.06.2020

Ora, a qualche settimana di distanza, possiamo valutare i dati del mese di marzo e percepire come gli stessi siano fortemente emblematici, soprattutto nel momento in cui segnano forti deflussi sui fondi azionari con conseguente triplicazione dei depositi su conto corrente, tanto da raggiungere quota 1150 miliardi.   Questo risultato evidenzia invero una certa mancanza di “educazione finanziaria” degli italiani (le statistiche ci ricordano che siamo oltre il sessantesimo posto a livello mondiale). La scelta più saggia, in un momento di forte volatilità, sarebbe quella di non toccare i propri investimenti; molti, al contrario, probabilmente presi dal panico, hanno deciso di disinvestire in attesa di tempi migliori, con il risultato di perdere le occasioni di quello che potremmo definire come “il miglior aprile di tutti i tempi”, caratterizzato infatti da un fortissimo rimbalzo.   Anzi, a dirla tutta, in questa fase la scelta più azzeccata sarebbe stata quella di realizzare versamenti aggiunti e sfruttare così “i saldi di mercato”. Un altro elemento che spinge a riflettere è dato dal fortissimo successo del Btp Italia/Covid degli ultimi giorni, considerate infatti che la domanda di investitori individuali ha superato i 14 miliardi. La promessa di rendimento è pari a 1,4% di rendimento lordo per 5 anni, più un bonus dello 0,8%, e così per un totale del 1,56% (1,365% netto); in definitiva non batteremo nemmeno l’inflazione (in aumento) verso il 2% annuo.   Ricapitolando, al di là di considerazioni nazionalistiche, prestiamo soldi ad un paese fortemente indebitato (il rating attuale è BBB) per avere, probabilmente, al netto dell’inflazione meno di quanto abbiamo investito, dunque esattamente il contrario di quanto bisognerebbe fare per definire una buona pianificazione finanziaria. È anche vero che non tutti i dati sono deludenti: si registra un forte aumento delle sottoscrizioni di pac azionari, il che rappresenta un barlume di speranza sul fronte della strategia finanziaria, tenete presente, infatti, che il 2020 è l’anno ideale per far partire una pac azionario, con importanti opportunità da sfruttare.   Ultimo dato che vorrei condividere, ancora in negativo purtroppo, è quel 15% relativo alla percentuale di clienti che si avvalgono di un consulente finanziario, un dato estremamente basso rispetto alla totalità dei risparmi degli italiani.

Continua a leggere

È il momento di una analisi approfondita dei nostri portafogli

Scritto il 15.06.2020

Vorrei porre un interrogativo: sapete esattamente che caratteristiche hanno i fondi presenti nel vostro portafoglio?   Spesso infatti ci è poco chiaro come abbiamo diversificato il nostro portafoglio, ed è per questo che risulta fondamentale tornare ad analizzare la tipologia di fondi presenti sul mercato. In particolare, i fondi aperti possono essere classificati in 5 macrocategorie, distinte in base alla percentuale minima e massima di investimento azionario: 1. Azionari, 2. Bilanciati, 3. Obbligazionari, 4. Flessibili, 5. Monetari.   Le suddette macrocategorie sono indicate in ordine crescente rispetto alla proporzione di azioni detenibili in portafoglio. Per intenderci abbiamo le seguenti possibilità: i fondi obbligazionari prevedono la presenza di obbligazioni per almeno il 70% del patrimonio, al contrario i fondi azionari prevedono almeno il 70% del patrimonio in azioni, dunque con un livello di rischio generalmente elevato. I fondi bilanciati, come suggerisce il nome, investono in proporzione variabile sia in azioni che in obbligazioni, e a loro volta si dividono in bilanciati "puri" (percentuale di azioni compresa tra il 30% e il 70%), bilanciati “azionari” (percentuale di azioni compresa tra il 50% e il 90%) e bilanciati “obbligazionari” (percentuale di azioni compresa tra il 10% e il 50%). I fondi monetari sono i prodotti a rischio più contenuto poiché investono in strumenti del mercato monetario, le cui oscillazioni sono piuttosto limitate. Infine, i fondi flessibili, che non hanno vincoli di asset allocation azionaria (0%-100%).   Fatta questa precisazione, ritengo quindi utile analizzare in maniera approfondita la vera composizione del proprio portafoglio, sì da comprendere appieno se abbiamo effettivamente diversificato i nostri investimenti o se invece sono presenti dei “doppioni”, come tali poco utili all’efficienza della nostra strategia. A tal fine, consiglio di consultare il vostro consulente, e come sempre sono a vostra disposizione.

Continua a leggere

Strumenti derivati: funzioni e utilità

Scritto il 11.06.2020

Spesso si sente parlare della parola “derivato” e la si intende come un qualcosa collegato concetto di speculazione, quando in realtà le funzioni dei cosiddetti derivati sono molteplici.   Posto che i derivati sono strumenti finanziari il cui valore dipende ("deriva") dal valore di un'altra attività finanziaria o reale (attività sottostante), è infatti possibile individuare tre principali impieghi dei derivati:   1) Hedging, da intendersi come copertura di un rischio, ovvero la strategia volta a tutelare un investimento da possibili imprevisti, quali le fluttuazioni dei prezzi. In sostanza, si effettuano una o più operazioni di copertura per proteggersi dai rischi legati ad un altro investimento, sì da ridurre o annullare il rischio derivante da una posizione aperta. Un'operazione di hedging si realizza solitamente mediante l'acquisto o la cessione di uno o più contratti il cui valore sia legato alla stessa fonte di rischio che condiziona il valore della posizione da coprire, e sono proprio tali contratti ad essere definiti come strumenti derivati, il cui prezzo è appunto basato sul valore di mercato di altri beni.   2) Trading, concetto che più si allinea all’idea di speculazione. In questo caso i derivati vengono usati in maniera a sé stante per scopi, appunto, speculativi sfruttando quello che in finanza è chiamato “effetto leva”: la leva finanziaria è quello strumento per il quale si prende in prestito denaro per investire e guadagnare più soldi grazie ad un maggiore potere d'acquisto, e una volta rimborsato ciò che si è preso in prestito, si avrà un guadagno superiore rispetto a chi investe solamente il proprio capitale.   3) Arbitraggio, ovvero un'operazione che consente di ottenere un profitto certo senza che il soggetto che la mette in essere corra alcun rischio. Solitamente l'arbitraggio consiste nell'acquisto/vendita di uno strumento finanziario e in una contemporanea operazione di segno opposto sullo stesso strumento negoziato su un mercato diverso dal precedente. In questo modo si sfruttano eventuali disallineamenti del mercato tra il prezzo del sottostante e corrispondente valore del derivato.   Ciò premesso, vorrei porre l’attenzione sui contratti Future, ovvero contratti a termine standardizzati con il quale le parti si impegnano a scambiare una certa attività (finanziaria o reale) a un prezzo prefissato e con liquidazione differita a una data futura. Il più delle volte i contratti Future vengono utilizzati dai gestori come copertura del rischio utilizzando il derivato con effetto opposto all’operazione proposta, dunque a tutela dell’investitore.   Trattasi di uno strumento di grande utilità in quanto non conduce solo ad operazioni speculative, ma assicura altresì protezione dei nostri risparmi, purché saggiamente maneggiato da un gestore capace; in questo senso, un derivato potrebbe essere visto come una polizza assicurativa a nostra tutela in caso di andamento inaspettato dei mercati.

Continua a leggere

Gli ultimi dati NASDAQ sembrano infondere positività

Scritto il 09.06.2020

Riporto brevemente alcuni dati dell’indice Nasdaq: 8972 al 31/12 contro i 9121 dell’8/05.   Sì, avete letto bene. Nel pieno di una delle più grandi crisi sanitarie di tutti i tempi, e mentre i dati della disoccupazione americana superano il 14%, l’indice della tecnologia americano, dopo una forte flessione tra febbraio e marzo, oggi è tornato sopra i sui massimi in maniera rapidissima.   Alla luce di questi dati, ritengo opportuno fare due considerazioni:   1) La tecnologia guiderà la ripresa e svolgerà un ruolo primario nell’efficientamento di gran parte delle attività. L’esperienza condivisa ormai quasi ovunque del telelavoro dovrebbe chiaramente accelerare l’adozione di prassi quali lo smart working, l’e-learning o la telemedicina, e il ricorso alla realtà virtuale dovrebbe crescere costantemente rispetto al periodo pre-Covid, sostituendosi agli spostamenti e agli incontri fisici. Tutti questi sviluppi implicheranno, di conseguenza, anche una crescita per i mercati delle connessioni a banda larga, dei semiconduttori, della connettività, dei software, dei social media ecc.   2) Chi nel mese di marzo, spinto dalla paura e dall’irrazionalità, ha deciso di riscattare i propri investimenti, oggi rischia di pentirsi amaramente di quella scelta. Dalle classifiche di aprile 2020, si evidenzia un corposo rimbalzo dei mercati, con i principali listini mondiali che si muovono al rialzo registrando diffuse performance a due cifre. Il rimbalzo, oltre che generalizzato, sembra anche ormai consolidato: tra gli indici obbligazionari, circa un quarto si è già riportato in positivo dall’inizio dell’anno, anche se sull’azionario la situazione appare più controversa.   Il mondo non sta finendo ma sta solo cambiando il proprio modello di sviluppo, che, ormai è chiaro, non potrà prescindere dalla tecnologia e dalla sostenibilità ambientale   Rimango, come sempre, a Vs disposizione    

Continua a leggere

Mercato americano: cosa va e cosa non va

Scritto il 04.06.2020

I mercati vivono di aspettative, e proprio i dati di questa settimana ne sono una dimostrazione lampante.   Il livello della disoccupazione americana (14,7%), che di per sé è un dato fortemente negativo, è stato invece letto dai mercati in maniera positiva, ciò in quanto le aspettative sul fronte occupazionale si prospettavano ben più negative (intorno al 16%).  Il dato raccolto può pertanto essere letto, in un certo senso, in chiave positiva, anche in ragione del fatto che molti nuovi disoccupati sono considerati come provvisori (disoccupati temporanei). A tutto ciò, si aggiunga poi il ribalzo del prezzo del petrolio, che ha permesso al mercato americano di continuare il suo rally.   Al di là delle aspettative, occorre comunque considerare che un ruolo decisivo sull’andamento del mercato americano è dato dal settore della tecnologia, e proprio quest’ultimo è uno dei pochi settori ad aver preso maggior vigore nelle ultime settimane. Il mondo post coronavirus tenderà a rafforzare una serie di trend già esistenti; le società tecnologiche, dell’home entertainment, dei social media e dei pagamenti elettronici continueranno infatti a beneficiare sempre di più del crescente numero di persone che lavora in modalità smart working.   A mio modo di vedere, non credo che possano registrarsi ulteriori rimbalzi nel breve periodo, ed anzi, ritengo possibile l’avvio di una fase di nuova volatilità, in parte legata anche all’andamento delle varie riaperture, per poi andare ad ipotizzare un ulteriore rimbalzo nell’ultima fase dell’anno.   È fondamentale, di questi tempi, la capacità del gestore di cogliere le migliori opportunità senza incorrere in rischi inutili.

Continua a leggere
Condividi