Marco Bigliardi

Vai al mio profilo

Consulente finanziario

Top MoneyController Financial Educational
Finecobank
Reggio nell'Emilia, Modena, Parma
Da €20MLN a €40MLN
Oltre a 10 anni
Laurea
38 anni
2478
10/01/2019

Leggi tutti i miei post


Di seguito una guida rapida per gli investitori, con 4 consigli utili per investire in questo 2021

Scritto il 15.01.2021

1) Prima di partire, conosci te stesso "Se non sai chi sei, il mercato azionario è un posto costoso per scoprirlo" - Adam Smith Perché investi? Qual è il tuo orizzonte temporale? Qual è la tuo metodo d'investimento? 2) L'importanza dello studio  e della ricerca. Investiamo su noi stessi ancora prima di investire sul mercato, anche cercando opinioni differenti dalle nostre. Più aumentiamo le nostre conoscenze, e competenze, più si riducono i possibili bias cognitivi e comportamentali lungo il nostro tragitto.   3) Ragiona di Lungo termine. Investire ha senso anche solo perchè, fondamentalmente, il mercato sale  più di quanto scenda. Come vediamo nel grafico, i mercati rialzisti sono durati mediamente più di 10 anni, con un rendimento medio annualizzato superiore al 17%, mentre i mercati ribassisti sono durati in media meno di tre anni. 4) Pazienza & disciplina. "Investire con successo richiede tempo, disciplina e pazienza. Non importa quanto sia grande il tuo talento o il tuo sforzo, alcune cose richiedono solo tempo: non puoi fare un bambino in un mese mettendo incinte nove donne". Warren Buffet. Chi avesse piacere ad approfondire questi temi, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

"Il Riassunto del 2020 sui mercati".

Scritto il 08.01.2021

Ora che abbiamo varcato la soglia del 2021, possiamo tirare una riga su quello che è stato il 2020, e raccogliere gli spunti finanziari più importanti che l’anno ci ha offerto. Ovvero: 1) Investiamo con umiltà. "Il più intelligente di tutti, secondo me, è l'uomo che almeno una volta al mese si definisce uno sciocco" Fëdor Dostoevskij. Allontaniamo bias, over-confidence e presunzioni, perchè neanche il mercato sa cosa farà il mercato, e agiamo di consapevolezza e metodo. Chi poteva prevedere infatti il forte drawdown di febbraio, e il successivo, ed immediato, recupero? Investiamo rispettando il mercato. 2) Sii paziente. Il tempo può essere il nostro miglior alleato o il nostro peggior nemico. A noi la scelta. 2020 docet. L'investimento passivo, buy & hold, paziente, arricchisce gli investitori. L'investimento attivo, il saltare da un cavallo all'altro, "alla ricerca della felicità", arricchisce l'industria finanziaria.   3) Il vero rischio di mercato non è il Covid, siamonoi. Il Covid è una varabile incerta, non gestibile. Il vero rischio deriva dall’ investire senza sapere quello che si sta facendo. Il rischio deriva dal concentrarsi sul risultato e non sul processo. Il rischio deriva dall'agire come stanno agendo gli altri e senza pensare. Siamo noiil rischio maggiore per i nostri investimenti. Quindi, non cerchiamo di gestire il Covid, piuttosto gestiamo noi stessi (e le nostre abitudini) Chi volesse approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

Attenzione - Previsioni in arrivo , terreno scivoloso.

Scritto il 18.12.2020

Con il 2021 alle porte, ecco arrivare le previsioni  sul futuro andamento dei mercati finanziari. Ebbene, la loro valenza è praticamente nulla. Un po' come cercare di prevedere se un film in produzione sarà un successo al botteghino o meno, o se un libro prossimo all'uscita si rivelerà un best seller o meno. Chiedete a J. K. Rowling se avesse previsto il successo dei suoi libri su Harry Potter. Oppure chiedete ad Harrison Ford se avesse saputo che Indiana Jones sarebbe diventata un'icona da incassi record. Ecco che quindi capire come si evolverà il mercato, per capire quando vendere e quando comprare, diventa molto difficile. Se non pura utopia. In molti, ad esempio, parlano di bolle, anche evidenti, su alcune valutazioni, richiamando quindi a prossimi crolli di mercato, ma anche le bolle sono riconosciute come tali sono dopo che sono scoppiate. E anche riconoscerle, di fatto, non è nemmeno d'aiuto. I prezzi delle case in America, ad esempio, sono saliti per diversi anni, prima di scoppiare definitivamente, alimentando poi la bolla del 2008. Muoversi troppo presto, quindi, agendo magari in maniera contraria al mercato, rischia di farci perdere parecchi soldi, anche se ci abbiamo visto giusto. Così come ci costa più stare "alla finestra", aspettando lo scoppio della bolla, piuttosto che prenderci in faccia la bolla stessa. Perché magari mentre stavamo alla finestra il mercato è salito e ha prodotto valore, che noi, per paura di perdere, abbiamo di fatto perso. Investiamo su evidenze, quindi, non su convinzioni. Per cui, alla domanda, “cosa farà il mercato nel 2021, salirà o scenderà? “ la risposta più corretta, che mi sento di condividere, è: "Signori, non ne ho idea e non lo so. Quello che so è che non ho mai mancato un bull market. E non sono mai scappato da un bear market. Resto semplicemente investito. Ecco quello che faccio". Il passato è noto, nel grafico vediamo ad esempio l'andamento del mercato nel corso del 2020.     Il futuro invece è ignoto, ergo, qualsiasi previsione vale quanto quelle del divino Telma. Da qui l'importanza di seguire un metodo ed un protocollo d'investimento, da abbinare ad una corretta gestione comportamentale. Le uniche previsioni azzeccate sono quelle fatte sul passato. Ecco perché il futuro non lo si prevede, ma lo si pianifica.   Chi volesse approfondire questi temi, può contattarmi per un consulto.   Buona consapevolezza finanziaria a tutti. E Buone Feste

Continua a leggere

La ricerca dell'isin perduto

Scritto il 11.12.2020

Possibile che l'attività d'investimento si riduca alla ricerca dell'ISIN  o dello strumento vincente? Lo stesso Michael Batnick scrive, nel suo blog The Irrelevant Investor: "Gli ETF sono buoni per gli investitori? Quali investitori? Quali ETF? Cosa significa buono?". Investire è un processo, un metodo, che vede la selezione dell'ISIN come l'ultima parte del progetto, e finalizzazione dello stesso. L' ISIN dello strumento è la chiusura del cerchio, non il suo principio. Prima di mettere giù i mattoni, c'è da progettarela casa, capire su quali basi fondarla, e con che necessità (è per noi? Per la nostra famiglia? Una casa vacanze?). Invece, si parte dalla fine. "Ho scelto i fondi con il miglior rendimento". Come per le altre cose, anche nell'investimento occorre buon senso. Sfruttiamo la saggezza e la conoscenza che abbiamo a disposizione (o paghiamo qualcuno che possa tradurla o portarla a noi); Warren Buffet o Ray Dalio non si sono arricchiti cacciando ISIN, ma sviluppando un protocollod'investimento. La ricetta è lì, a portata di mano, sta a noi scegliere se vogliamo seguirla, o comprare ingredienti a piacere, mixandoli e piacere, sperando che esca una buona torta. Chi avesse piacere ad investire con metodo, e non su convinzioni, può contattarmi per un approfondimento. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

"Le 20 Regole per Investire con Successo by Charlie Bilello".

Scritto il 04.12.2020

Come poter investire con successo? Queste le 20 regole per investire sui mercati finanziari condivise da Charlie Bilello, fondatore e CEO di Compound Capital Advisors, e noto blogger finanziario.   1- Sii umile o i mercati troveranno un modo per umiliarti 2- Non c'è premio senza rischio 3- Maggiore è iltempo  in cui resti investito, maggiori sono le probabilità di successo 4- Il mercato ogni volta propone un film  diverso, mai proiettato prima sugli schermi 5- Le previsioni  sono inutili. Seguirle è da folli 6- La pianificazione  supera le profezie. Le evidenze  superano le opinioni 7- Il mercato è ciclico. Questo non significa però che sia prevedibile o di facile lettura 8- Se concentrate  i vostri investimenti, senza diversificare, potete fare soldi velocemente, e perderli altrettanto velocemente 9- L'unica certezza è l'incertezza. Aspettatevi l'inaspettato 10- Il valore del tempo  è fondamentale 11- Risparmiare  è più importante di investire. Nessun risparmio nessun investimento 12- Costi bassi battono costi alti, in media. Strumenti passivi battono strumenti attivi, in media. Semplicità   batte complessità 13- Impariamo a "soffrire" accettando  la volatilità 14- Non fare nulla è meglio  di fare qualcosa con troppa frequenza 15- Accettare di non  sapere 16 - Ricordati del principio del ritorno alla media 17 - Nessuno vi avvisa quando il mercato è sui massimi o sui minimi 18 - La migliore strategia è quella più adatta a voi perchè possiate mantenerla nel tempo tanto da beneficiare dell'interesse composto 19 - La diversificazione e l'allocazione di portafoglio ci proteggono dall'impossibilità di prevedere il futuro 20 - Impariamo a controllare le nostre emozioni, o le nostre emozioni controlleranno noi Capite queste, abbiamo capito tutto. Chi avesse piacere ad approfondire i punti evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

La storia della bolla sulle linee ferroviarie

Scritto il 27.11.2020

Come investitori, siamo spesso attratti dall' investire in quello che sale. Vedere un segno positivo, verde, ci gratifica, e ci attira come una calamita, richiamando sensazioni di vecchia data (a scuola, la professoressa ci correggeva gli errori con la matita rossa, quindi nella nostra mente un titolo in rosso equivale ad un errore d'investimento da "correggere"). Vedere poi il nostro investimento crescere in modo esponenziale ci auto-convince di aver fatto la cosa giusta, del resto il mercato ci sta premiando, e i premi vanno a chi ha saputo muoversi "meglio" degli altri. Da tutto questo, possiamo capire quanto il mercato sia contro-intuitivo, e senza i giusti strumenti siamo completamente allo sbaraglio, nonostante la nostra mente ci dica l'opposto. "Nel 1840 in Inghilterra - racconta Robert Shiller - esplose il settore dei costruttori e dei gestori di linee ferroviarie. Questo ebbe conseguenze in Borsa con il boomdelle relative azioni". Le azioni salivano. Segno verde. Quindi da comprare. Tutti volevano salire sul treno (in tutti i sensi). Poco dopo scoppiò la bollain Borsa. Ci rimase intrappolato, fra gli altri, anche Charles Darwin, che non era certo uno sciocco. A dimostrare che sul mercato non serve essere intelligenti, ma mettere in pratica i giusti comportamenti.   Le bolle si formano quindi prima nella mente degli investitori, auto-convinti, spinti dal mercato, di essersi mossi correttamente, il che li porta a non considerare regole e protocolli di un corretto investimento. Investitori chiusi in una bolla di convinzioni. Che si trasmette sul mercato. Come successo nel caso delle linee ferroviarie inglesi. Cosa abbiamo imparato ad oggi? Ognuno faccia le sue considerazioni.   Chi avesse piacere ad approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.  

Continua a leggere

Mercati, Tesla e scarpe Lidl

Scritto il 20.11.2020

Il mercato spesso ci sembra un luogo irrazionale. Il fatto è che non è il mercato ad essere irrazionale, quanto i comportamentidei soggetti che ne fanno parte, e che ne guidano i movimenti, ad essere spesso irrazionali. Se esistesse un ETFa replicare l'andamento del prezzo dell'asset "Scarpe LIDL", lo comprereste? Scarpe e ciabatte marchio LIDLcomprate a 20 euro e ripiazzate online a 1.500 euro o più. Sembra folle, ma è quanto è successo veramente. E sul mercato, follie di questo tipo accadono continuamente. In fondo, le azioni Teslacontinuano ad andare a ruba, nonostante il prezzo. Il P/E(Prezzo/Utili) di Teslaè arrivato a 1.006. Assumendo utili costanti, gli investitori dovranno aspettare 1.006 anni per rientrare del capitale investito. Quello che si definisce il lungo periodo. Le follie sul mercato succedono soprattutto quando si invertono le parti. Ovvero, siamo in possesso di scarpe Tod's, e ci offrono di comprarle pagandole come se fossero scarpe della Lidl(valore di magazzino, però, 20 euro, non 1.500). A marzo, ad esempio, è successo. Ecco perché la finanza comportamentale è fondamentale, nel nostro percorso d’investimento.   Chi volesse approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto.   Buon investimento a tutti.  

Continua a leggere

Perché non siamo tutti ricchi

Scritto il 13.11.2020

Ormai, disponiamo di quanto più materiale possibile riguardo il mondo degli investimenti. Libri, Papers accademici, interviste a professionisti del settore, ad esempio. Eppure, come mai ancora non siamo tutti ricchi, o comunque, degli esperti naviganti sui mercati? E’ presto detto. Infatti, il motivo per cui non siamo tutti ricchi seguendo i consigli di Warren Buffetè che l'esperienza non può essere tramandata attraverso dei libri o interviste. Possiamo leggere tutte le enciclopedie della finanza, ugualmente non saremo in automatico degli investitori di successo. Questo perchè la competenza non può essere carpita solamente leggendo delle righe scritte su fogli di carta, i mercati vanno vissuti in primis sulla pelle. Solo vivendoli in prima persona, personalmente coinvolti, possiamo apprendere cosa significa investire, e farci "le ossa". Ad esempio, le partite di calcio sulla "carta" sono sempre facili da prevedere, basta osservare le rose che scendono in campo; poi, però, quando si entra sul terreno di gioco, è tutto un altro paio di maniche. La carta infatti non contempla un aspetto fondamentale, che subentra quando i nostri soldi sono veramente in ballo. L’emotività: Per imparare ad investire occorre quindi…scendere in campo e investire. Con una buona guida a fianco, ancora meglio. Chi avesse piacere ad approfondire questi aspetti, può contattarmi per un consulto.   Buon investimento a tutti.  

Continua a leggere

"Investire con lo specchietto retrovisore".

Scritto il 06.11.2020

Qual'è il modo peggiore per fare previsioni sul futuro del mercato, e dei nostri investimenti? Farle basandoci sul passato e sullo storico del mercato. Nel grafico, vediamo a confronto l'andamento delle strategie azionarie Momentum e Growth a confronto con l'indice S&P500. Il Growth vince. Fine della gara e complimenti ai vincitori. Da domani inizia una nuova gara, nuovo biglietto, e nuova corsa. Chi vincerà? Nessuno lo sa. Investire con lo specchietto retrovisore è molto pericoloso. Causa parecchi incidenti. L'etichetta "past performance is not indicative of future results" (le performance passate non sono indicative di performance future), evidenziata sui fogli promozionali dei vari strumenti d'investimento, non è lì per gioco. Pianificarefinanziariamente significa proprio quello, ovvero gettare le basi per camminare, con metodoe strategia, in territori incerti, verso il nostro obiettivo. Prendere quello che ha funzionato in passato, e fare copia-incolla perchè funzioni anche in futuro, sul mercato non vale. Il passato lo si archivia a registro. Il futuro lo si pianifica con metodo. Chi avesse piacere ad approfondire gli argomenti evidenziati, può contattarmi per un consulto.   Buon investimento a tutti.  

Continua a leggere

Halloween e Mercati

Scritto il 30.10.2020

Dolcetto o “stornetto”? In questi giorni di volatilità, è importante ragionare semplice, e ripartire dalla base. "Se volete evitare il dolore fisico, non otterrete mai risultati sportivi di livello. Se volete evitare conflitti, non otterrete mai relazioni interpersonali di livello. Se volete evitare di avere pazienza, e calma, non otterrete mai risultati finanziari di livello". Questo è. Il modo migliore che abbiamo per sottoperformare il mercato, è proprio quello di cercare di anticiparne i movimenti, cercando di sovraperformarlo, per bruciare le tappe del nostro investimento. Investire è contro-intuitivo. Comprare quando tutti vogliono vendere non è facile. Questo ritorno di volatilità, fatalità, coincide anche con l'arrivo di Halloween. Dolcetto o scherzetto? Del resto, “investire è semplice ma non facile”, lo sappiamo. Le notizie negative da ignorare lungo il percorso per mantenere la rotta sono molte. Covid, Brexit, elezioni, per fare alcuni esempi attuali. Il rischio è di diventare investitori di lungo termine, sì, ma come investitori di breve periodo, che seguono i sali e scendi del mercato, per un lungo tempo. Allora, piuttosto che comprare e rivendere 10 titoli per un anno, cercando i giusti timing, meglio comprare un singolo strumento, diversificato, per 10 anni, scegliendo il giusto tempo. Ribaltiamo i fattori. Poi, nessuno ha mai detto che sia facile. Però sappiamo che è efficace. Lo cantavano anche i Morcheeba: "Roma wasn't Built In a Day". "Roma non è stata costruita in un giorno". Lo sa bene Warren Buffet. Nell'immagine, la sua ricchezza valorizzata nel corso del tempo. Chi avesse piacere ad approfondire gli argomenti evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.    

Continua a leggere

Elezioni americane e investimenti

Scritto il 24.10.2020

Si avvicinano le elezioni in America, fattore che preoccupa gli investitori. Eppure, come scrive il New York Times, "per gli investitori di lungo termine, piccole cose come le elezioni presidenziali non contano". https://www.nytimes.com/2020/10/17/business/presidential-election-stocks-coronavirus-.html Storicamente, il mercato è comunque sempre salito, e le previsioni che sono state fatte nel corso del tempo sono state costantemente smentite (chi si ricorda il crollo annunciato dei mercati in caso di elezione di Trump?). Ce lo ricorda Vanguard in questa sua infografica molto interessante: https://investornews.vanguard/what-the-election-means-for-investors/ "Eh, ma questa volta è diverso..". Le parole più costose della storia della finanza. Concentriamoci quindi su quello che possiamo controllare, come: ° Diversificazione ° Costi ° Obiettivo d’investimento ° Orizzonte temporale d’investiamo   Tutto il resto non conta. Chi avesse piacere ad approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto.   Buon investimento a tutti.  

Continua a leggere

Qual è il segreto per investire con successo?

Scritto il 16.10.2020

  Molti investitori se lo chiedono. La risposta è molto semplice. Iniziare ad investire. Difatti, quello che impariamo nella vita può portarti alla conoscenza, o all'azione. Sul mercato, il valore sta nell'azione. Godetevi il viaggio. Anche nelle favole, l'eroe attraversa mille peripezie, ostacoli e sfide, prima di arrivare al lieto fine. Ma il lieto fine è frutto di una partenza iniziale dell’eroe. Stare fermi a contemplare il mercato, equivale a perdere passivamente potere d'acquisto e valore reale del nostro patrimonio. Investiamo serenamente quindi, senza perdere tempo in attese, aspettando Godot, in arrabbiature o paure per i mercati; il punto chiave è l'equilibrio. Mr Market è un tipo folle, un maniaco depressivo, che offre prezzi a volte stravaganti per rilevare le nostre quote. Nel 19 ottobre 1987, il Dow Jones scese del 22,6% in un sol giorno. Queste le perdite registrate in quel momento dai signori in evidenza, da Warren Buffet a Rupert Murdoch. Questi signori non si sono persi d’animo. L'anno ha chiuso positivo con un +2%. Sta a noi scegliere se ascoltare i deliri di Mr Market, seguirlo nella sua follia, o ignorarlo, la scelta è sempre nostra. Quindi, cuffie alle orecchie, e partiamo! Del resto, se aspettiamo il momento perfetto per investire, non investirai mai. Il peggior nemico di un buon piano finanziario è il sogno di un piano finanziario perfetto. In fondo, la chiave per investire in modo profittevole consiste proprio nello "schivare" tutti i bias, le convinzioni o le ancore mentali, che ci legano; proprio come fa Mohamed Alìsul ring. Mentalità e determinazione sono i nostri migliori alleati quando investiamo sul mercato. Altrimenti, se aspettiamo il lavoro perfetto, finiremo per non lavorare mai. Se aspettiamo di vivere una vita perfetta, non ci godremo mai la vita che abbiamo. In fondo, la perfezione non esiste. Start => Fail or Adapt => Keep going.   Chi fosse interessato ad approfondire gli argomenti evidenziati può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti  

Continua a leggere
Condividi