Marco Bigliardi

Vai al mio profilo

Consulente finanziario

Top MoneyController Financial Educational
Finecobank
Reggio nell'Emilia, Modena, Parma
Da €20MLN a €40MLN
Oltre a 10 anni
Laurea
38 anni
2599
10/01/2019

Leggi tutti i miei post


Il calo di mercato era prevedibile?

  • 83
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 04.03.2021

Il calo di mercato di questi giorni era prevedibile? Difficile. Questo perchè il mercato è più intelligente  di tutti noi investitori. Ad esempio, durante il recupero dei mercati dai minimi dello scorso marzo, investitori ed esperti  del settore si sono cimentati in studi e analisi che vedevano il mercato sprofondare nuovamente verso il basso. Eppure, sappiamo poi com’è andata. Investire resta l'attività più contro-intuitiva  che ci sia. Quando investiamo, se la mente è a disagio, se siamo scomodi, significa che ci stiamo muovendo bene. Accettare di non poter fare previsioni, e di non controllare il mercato, è scomodo quanto efficace. "Il mercato azionario non è sempre giusto, ma è sorprendente quanto sia giusto più spesso di quanto sia sbagliato". Eppure, ad ogni riaccenno di volatilità, è facile ricadere nell'improvvisazione. La parte psicologica dell'attività d'investimento ci porta ad agire d'istinto, ed abbandonare il metodo. Questo è solo uno dei tanti modi attraverso i quali Mr. Market  si prende gioco di noi. Nel momento in cui pensiamo di essere più furbi del mercato, il mercato ci sarà sentire solamente più stupidi. Le cose che offrono veramente un vantaggio, nell'attività d'investimento, sono poche, quanto importanti: ° Disciplina e Comportamento "Questa persona immaginaria là fuori - Mr. Market - è una specie di psicopatico ubriaco. Alcuni giorni diventa molto entusiasta e alcuni giorni diventa molto depresso" - Warren Buffett Impariamo a gestire noi stessi, più che a gestire il mercato. ("Abbiamo incontrato il nemico...e siamo noi" - Walt Kelly) ° Focus sul medio-lungo termine Guardiamo all'orizzonte, non ai nostri piedi. Il breve termine non deve influenzare le scelte di lungo termine ° Tolleranza al rischio Scegliamo il giusto mix, la giusta asset allocation, in linea con il nostro obiettivo. Chi volesse approfondire questi aspetti, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

I mercati sono in una bolla?

  • 92
  • 1
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 26.02.2021

Siamo in una bolla sui mercati? Il ritornello continua a ripresentarsi.   La storia ci insegna che anche i mercati rispondono alle leggi di gravità, il troppo entusiasmo  prima o poi è destinato a scendere coi piedi per terra. Come fare quindi per capire in anticipo come meglio muoversi? Ad oggi, non è possibile, per quanti indicatori possiamo studiare, l'unica certezza  sul mercato resta l'incertezza. Vero è che la chiave per poter resistere al meglio all'arrivo dell' Orso, è non farsi tentare dalla follia collettiva, dalle mode settoriali, e declinare gentilmente l'invito ad abbuffarci al tavolo speculativo (l'unica cosa che mangeremo saranno i nostri soldi). Durante queste fasi "di ordinaria follia", i cattivi si presentano sotto diverse spoglie. I collocatori e gli intermediari, pronti a venderci qualsiasi cosa stia performando in quel momento, per abbuffarsi di commissioni. I media, che alimentano la "finanza creativa", contagiando investitori vulnerabili con mode e metodi per arricchirsi velocemente. Viene da sé che le bolle finanziarie sono quindi nei comportamenti, ancora prima che nei prezzi. DataTrek Research ha esaminato, in questo studio, quante volte il termine "Comprare azioni" è apparso su giornali, siti e periodici, dal 1900 al 2019. I picchi si sono registrati nel 1930 e nel 2001. Subito dopo il mercato è sceso in picchiata. L'esuberanza irrazionale porta gli investitori ad ignorare l'Orso nella stanza, e continuare a fare il loro gioco. Di fatto, il rischio, negli investimenti, deriva dall'ignorare il rischio stesso. Il mercato crea ricchezza, il mercato distrugge ricchezza, gli eccessi hanno sempre presentato il conto, che si chiamino Ark Innovation, Bitcoin, o Tesla. Certo, nel frattempo i bond  non se la passano troppo bene, e continuano a registrare perdite importanti in questo ultimo periodo. L'importante, resta comunque il prestare attenzione all'Orso nella stanza, e non seguire la follia della folla. Tradotto: Investiamo sul metodo, non su mode o convinzioni. Diversificate il vostro portafoglio, con un occhio ai costi, e mantenetelo nel tempo. What else?   Chi avesse piacere ad approfondire queste dinamiche, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

Investire sul fantino, invece che sul cavallo

  • 44
  • 0
  • La Finanza Comportamentale
Scritto il 18.02.2021

Come investitori, ci piace investire sul fantino, anzichè sul cavallo. E' quindi più affascinante la narrazione sul mercato, che il mercato stesso. Un esempio. Il Mainstay  Marketfield  Fund, alla luce di una buona tenuta nel corso del 2008 (loss del 13% a fronte del -38% dell' S&P500), e successiva sovraperformance ottenuta nel corso del 2009, attirò l'interesse di molti investitori, corsi a comprarne le quote. Successivamente, il fondo ha iniziato a perdere colpi, e gli investitori sono corsi a cambiare fantino con la velocità della luce. Per non parlare poi di Ark Innovation. Qui i numeri sono impressionanti. Questo i gestori lo sanno benissimo, per questo assistiamo ora alla corsa per vendere la storia  più convincente e credibile (e le abilità del fantino nel guidare il cavallo). Collodi o Walt Disney oggi farebbero raccolte mostruose se lanciassero degli ETF. Ecco perché è importante investiamo sul cavallo scesca(il mercato), invece che sul fantino. Capito questo abbiamo capito tutto. Del resto, chi è che corre e guida le performance? Il fantino o il cavallo? Chi volesse approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

Investire Life-Cycle.

  • 95
  • 2
  • Formazione/Educazione Finanziaria
Scritto il 12.02.2021

Chi definisce il profilo di rischio di un investimento? L'emotività  dell'investitore, o il suo obiettivo  d'investimento? Un portafoglio che, ad esempio, adotti la logica life-cycle, introdurrà un peso azionario in funzione del tempo a disposizione, come logica conseguenza del protocollo quindi, e non della sensibilità emotiva dell'investitore. E' quindi il rischio a dettare l'obiettivo, o è l'obiettivo a dettare il rischio? Ecco che quindi possiamo approcciare il mercato sotto diversi punti di vista. Nel primo caso, è il nostro passo a dettare la meta. Un andamento lento quindi ci porterà a dover mirare mete vicine e alla nostra portata. Nel secondo caso, è la meta a dettare il nostro passo. Se miriamo a raggiungere mete più lontane e lungimiranti, dovremo adeguare il nostro passo ed aumentare il ritmo di camminata. Anche questa è pianificazione finanziaria.   Chi volesse approfondire questi temi, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

Stay in the game.

  • 87
  • 0
  • Formazione/Educazione Finanziaria
Scritto il 05.02.2021

"Stay in the game". Nel gioco sportivo, così come nella vita, il concetto di "restare in partita", di non mollare alla prima difficoltà, viene spesso enfatizzato, e lodato, mentre quando investiamo solitamente funziona all'opposto, alla prima discesa, via tutti e si salvi chi può. Eppure, il mercato, negli ultimi 20 anni, ha saputo premiare chi è rimasto in partita, al netto di tutti gli eventi negativi che sono successi, fra cui lo stesso Covid-19. Il rischio, quindi, non va evitato, ma gestito, lato consulente e lato investitore. Differenza sottile quanto fondamentale da comprendere. "Per vincere, dovete restare in partita" Claude M. Bristol "To win you have to stay in the game". Chi volesse approfondire l’argomento, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

Trading sulle sardine

  • 92
  • 0
  • Consulenti finanziari
Scritto il 29.01.2021

Molto bella l'analogia utilizzata da Seth Klarman in "Margin of Safety", a proposito della differenza fra investire e speculare sui mercati: "C'è una vecchia storia sullamania  che colpì il commercio delle sardine, quando queste scomparvero dalle loro acque tradizionali, a Monterey, in California. I commercianti della materia prima aumentarono il prezzo di una scatola di sardine, che salì quindi alle stelle. Un giorno un acquirente decise di concedersi un pasto "costoso", comprò una lattina di sardine e iniziò a mangiare. Immediatamente si ammalò e disse al venditore che le sardine non erano buone. Il venditore disse: "Non capisci. Questi non stanno mangiando sardine, stanno commerciando  sardine". Come i commercianti di sardine, molti partecipanti ai mercati finanziari sono attratti dalla speculazione, non si preoccupano di assaggiare le sardine che stanno scambiando. La speculazione implica andare d'accordo con la folla, non contro di essa. C'è conforto nel consenso; la maggioranza guadagna fiducia dal suo stesso numero. Oggi molti investitori, divenuti speculatori, partecipano al "gioco del più sciocco", comprando titoli a caro prezzo e aspettandosi/sperando di trovare qualcuno, ancora più sciocco, che compri da loro a un prezzo ancora più alto." Chi volesse approfondire i temi sopra evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento consapevole a tutti.

Continua a leggere

Vincitori & perdenti del 2020.

  • 46
  • 0
  • Formazione/Educazione Finanziaria
Scritto il 23.01.2021

L'anno appena trascorso, come sappiamo, ha visto il trionfo del tech, su tutti, ed il tonfo di Real Estate e compagnie aree. Ora, 2021, inizia unanuova  partita, 0 a 0 e palla al centro. Il podio sarà decretato, come sempre, afine  gara, ora qualsiasi "supposizione" resta appunto.,.una supposizione, e, in quanto tale, non dovrebbe portarci a modificare l'asset allocationdella nostra pianificazione, laddove correttamente impostata. "Let it be" cantavano i Beatles. Forse parlavano proprio del mercato. Lasciamolo lavorare, teniamo i nostri bias fuori dalla porta, e facilmente potremo festeggiare anche noi a fine gara. Focalizziamoci quindi su ciò che possiamo controllare, come metodo, disciplina comportamentale, ed efficienza costi/rendimenti. Agiamo sul quadro, non sulla cornice. L'ambiente di mercato, come la natura, non è plasmabile, o modellabile, in base alle nostre preferenze, ovvero, non ci è dato cambiare il contesto (tassi, p/e, trend in corso), ma possiamo cambiare le decisioniche prendiamo all'interno di questo contesto. Molte volte ci preoccupiamo delle regole del gioco, quando invece è più importante focalizzarci sul nostro modo di giocare. "I don't worry about things i cannot control". Non preoccupiamoci di ciò che non possiamo controllare. Valeva per il 2020, vale anche ora per il 2021. Chi avesse piacere ad approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto.   Buona consapevolezza finanziaria a tutti.

Continua a leggere

Di seguito una guida rapida per gli investitori, con 4 consigli utili per investire in questo 2021

  • 126
  • 0
  • Formazione/Educazione Finanziaria
Scritto il 15.01.2021

1) Prima di partire, conosci te stesso "Se non sai chi sei, il mercato azionario è un posto costoso per scoprirlo" - Adam Smith Perché investi? Qual è il tuo orizzonte temporale? Qual è la tuo metodo d'investimento? 2) L'importanza dello studio  e della ricerca. Investiamo su noi stessi ancora prima di investire sul mercato, anche cercando opinioni differenti dalle nostre. Più aumentiamo le nostre conoscenze, e competenze, più si riducono i possibili bias cognitivi e comportamentali lungo il nostro tragitto.   3) Ragiona di Lungo termine. Investire ha senso anche solo perchè, fondamentalmente, il mercato sale  più di quanto scenda. Come vediamo nel grafico, i mercati rialzisti sono durati mediamente più di 10 anni, con un rendimento medio annualizzato superiore al 17%, mentre i mercati ribassisti sono durati in media meno di tre anni. 4) Pazienza & disciplina. "Investire con successo richiede tempo, disciplina e pazienza. Non importa quanto sia grande il tuo talento o il tuo sforzo, alcune cose richiedono solo tempo: non puoi fare un bambino in un mese mettendo incinte nove donne". Warren Buffet. Chi avesse piacere ad approfondire questi temi, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

"Il Riassunto del 2020 sui mercati".

  • 127
  • 0
  • La Finanza Comportamentale
Scritto il 08.01.2021

Ora che abbiamo varcato la soglia del 2021, possiamo tirare una riga su quello che è stato il 2020, e raccogliere gli spunti finanziari più importanti che l’anno ci ha offerto. Ovvero: 1) Investiamo con umiltà. "Il più intelligente di tutti, secondo me, è l'uomo che almeno una volta al mese si definisce uno sciocco" Fëdor Dostoevskij. Allontaniamo bias, over-confidence e presunzioni, perchè neanche il mercato sa cosa farà il mercato, e agiamo di consapevolezza e metodo. Chi poteva prevedere infatti il forte drawdown di febbraio, e il successivo, ed immediato, recupero? Investiamo rispettando il mercato. 2) Sii paziente. Il tempo può essere il nostro miglior alleato o il nostro peggior nemico. A noi la scelta. 2020 docet. L'investimento passivo, buy & hold, paziente, arricchisce gli investitori. L'investimento attivo, il saltare da un cavallo all'altro, "alla ricerca della felicità", arricchisce l'industria finanziaria.   3) Il vero rischio di mercato non è il Covid, siamonoi. Il Covid è una varabile incerta, non gestibile. Il vero rischio deriva dall’ investire senza sapere quello che si sta facendo. Il rischio deriva dal concentrarsi sul risultato e non sul processo. Il rischio deriva dall'agire come stanno agendo gli altri e senza pensare. Siamo noiil rischio maggiore per i nostri investimenti. Quindi, non cerchiamo di gestire il Covid, piuttosto gestiamo noi stessi (e le nostre abitudini) Chi volesse approfondire i temi evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

Attenzione - Previsioni in arrivo , terreno scivoloso.

  • 113
  • 0
  • Mercati finanziari / economia
Scritto il 18.12.2020

Con il 2021 alle porte, ecco arrivare le previsioni  sul futuro andamento dei mercati finanziari. Ebbene, la loro valenza è praticamente nulla. Un po' come cercare di prevedere se un film in produzione sarà un successo al botteghino o meno, o se un libro prossimo all'uscita si rivelerà un best seller o meno. Chiedete a J. K. Rowling se avesse previsto il successo dei suoi libri su Harry Potter. Oppure chiedete ad Harrison Ford se avesse saputo che Indiana Jones sarebbe diventata un'icona da incassi record. Ecco che quindi capire come si evolverà il mercato, per capire quando vendere e quando comprare, diventa molto difficile. Se non pura utopia. In molti, ad esempio, parlano di bolle, anche evidenti, su alcune valutazioni, richiamando quindi a prossimi crolli di mercato, ma anche le bolle sono riconosciute come tali sono dopo che sono scoppiate. E anche riconoscerle, di fatto, non è nemmeno d'aiuto. I prezzi delle case in America, ad esempio, sono saliti per diversi anni, prima di scoppiare definitivamente, alimentando poi la bolla del 2008. Muoversi troppo presto, quindi, agendo magari in maniera contraria al mercato, rischia di farci perdere parecchi soldi, anche se ci abbiamo visto giusto. Così come ci costa più stare "alla finestra", aspettando lo scoppio della bolla, piuttosto che prenderci in faccia la bolla stessa. Perché magari mentre stavamo alla finestra il mercato è salito e ha prodotto valore, che noi, per paura di perdere, abbiamo di fatto perso. Investiamo su evidenze, quindi, non su convinzioni. Per cui, alla domanda, “cosa farà il mercato nel 2021, salirà o scenderà? “ la risposta più corretta, che mi sento di condividere, è: "Signori, non ne ho idea e non lo so. Quello che so è che non ho mai mancato un bull market. E non sono mai scappato da un bear market. Resto semplicemente investito. Ecco quello che faccio". Il passato è noto, nel grafico vediamo ad esempio l'andamento del mercato nel corso del 2020.     Il futuro invece è ignoto, ergo, qualsiasi previsione vale quanto quelle del divino Telma. Da qui l'importanza di seguire un metodo ed un protocollo d'investimento, da abbinare ad una corretta gestione comportamentale. Le uniche previsioni azzeccate sono quelle fatte sul passato. Ecco perché il futuro non lo si prevede, ma lo si pianifica.   Chi volesse approfondire questi temi, può contattarmi per un consulto.   Buona consapevolezza finanziaria a tutti. E Buone Feste

Continua a leggere

La ricerca dell'isin perduto

  • 92
  • 0
  • Consulenza finanziaria
Scritto il 11.12.2020

Possibile che l'attività d'investimento si riduca alla ricerca dell'ISIN  o dello strumento vincente? Lo stesso Michael Batnick scrive, nel suo blog The Irrelevant Investor: "Gli ETF sono buoni per gli investitori? Quali investitori? Quali ETF? Cosa significa buono?". Investire è un processo, un metodo, che vede la selezione dell'ISIN come l'ultima parte del progetto, e finalizzazione dello stesso. L' ISIN dello strumento è la chiusura del cerchio, non il suo principio. Prima di mettere giù i mattoni, c'è da progettarela casa, capire su quali basi fondarla, e con che necessità (è per noi? Per la nostra famiglia? Una casa vacanze?). Invece, si parte dalla fine. "Ho scelto i fondi con il miglior rendimento". Come per le altre cose, anche nell'investimento occorre buon senso. Sfruttiamo la saggezza e la conoscenza che abbiamo a disposizione (o paghiamo qualcuno che possa tradurla o portarla a noi); Warren Buffet o Ray Dalio non si sono arricchiti cacciando ISIN, ma sviluppando un protocollod'investimento. La ricetta è lì, a portata di mano, sta a noi scegliere se vogliamo seguirla, o comprare ingredienti a piacere, mixandoli e piacere, sperando che esca una buona torta. Chi avesse piacere ad investire con metodo, e non su convinzioni, può contattarmi per un approfondimento. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere

"Le 20 Regole per Investire con Successo by Charlie Bilello".

  • 133
  • 0
  • Consulenza finanziaria
Scritto il 04.12.2020

Come poter investire con successo? Queste le 20 regole per investire sui mercati finanziari condivise da Charlie Bilello, fondatore e CEO di Compound Capital Advisors, e noto blogger finanziario.   1- Sii umile o i mercati troveranno un modo per umiliarti 2- Non c'è premio senza rischio 3- Maggiore è iltempo  in cui resti investito, maggiori sono le probabilità di successo 4- Il mercato ogni volta propone un film  diverso, mai proiettato prima sugli schermi 5- Le previsioni  sono inutili. Seguirle è da folli 6- La pianificazione  supera le profezie. Le evidenze  superano le opinioni 7- Il mercato è ciclico. Questo non significa però che sia prevedibile o di facile lettura 8- Se concentrate  i vostri investimenti, senza diversificare, potete fare soldi velocemente, e perderli altrettanto velocemente 9- L'unica certezza è l'incertezza. Aspettatevi l'inaspettato 10- Il valore del tempo  è fondamentale 11- Risparmiare  è più importante di investire. Nessun risparmio nessun investimento 12- Costi bassi battono costi alti, in media. Strumenti passivi battono strumenti attivi, in media. Semplicità   batte complessità 13- Impariamo a "soffrire" accettando  la volatilità 14- Non fare nulla è meglio  di fare qualcosa con troppa frequenza 15- Accettare di non  sapere 16 - Ricordati del principio del ritorno alla media 17 - Nessuno vi avvisa quando il mercato è sui massimi o sui minimi 18 - La migliore strategia è quella più adatta a voi perchè possiate mantenerla nel tempo tanto da beneficiare dell'interesse composto 19 - La diversificazione e l'allocazione di portafoglio ci proteggono dall'impossibilità di prevedere il futuro 20 - Impariamo a controllare le nostre emozioni, o le nostre emozioni controlleranno noi Capite queste, abbiamo capito tutto. Chi avesse piacere ad approfondire i punti evidenziati, può contattarmi per un consulto. Buon investimento a tutti.

Continua a leggere
Condividi