Marco Minotti

Marco Minotti

Rating:

Consulente finanziario

Punteggio ottenuto

dal giudizio dei lettori

Ha ricevuto 0 votazioni
Vedi la scheda

-

Data ultimo
voto

0

Voti ultimi
30gg

Se mi conosci votami

Allianz Bank Financial Advisors
Como, Lecco, Milano, Monza e della Brianza, Varese
-
-
-
-
1195
10 ottobre 2018
MoneyController Financial Educational Award Top Financial Educational

Awards: I-2022 , anno 2021, anno 2020, anno 2019,

Punteggio ottenuto

dal giudizio dei lettori

Ha ricevuto 0 votazioni
Vedi la scheda

-

Data ultimo voto

0

Voti ultimi 30gg

Se mi conosci votami

Profilo professionale

Amo il mio lavoro, ma soprattutto le persone. Mi piace aiutare le famiglie a vivere meglio e farle sentire al sicuro. Dal 2002 mi occupo con passione e dedizione all’analisi dei rischi personali e aziendali, alla pianificazione finanziaria e relativo studio dei mercati finanziari. Da quella data sono infatti consulente assicurativo per Pini e Boleso per prodotti come polizza vita, infortunio, tutela legale, fondi pensione. Rappresento Allianz, Aviva, Arag. Nel 2005 ho preso incarico anche per la pianificazione finanziaria per conto di Rasbank, poi diventata AllianzBank (uno dei primi gruppi assicurativo/bancario al mondo per rating). Il mio compito come Financial Advisor è quindi quello di gestione e sviluppo di portafogli finanziari, che aiutano i miei clienti a costruire il proprio futuro. Dal 2003 sono iscritto all'albo dei promotori finanziari, mentre dal 2007 sono iscritto all'albo degli intermediari assicurativi. Dopo quasi quindici anni di esperienza lavorativa ho acquisito competenze profonde che mi consentono di suggerire le soluzioni più efficaci per una gestione dei risparmi di oggi e la creazione di capitali per un domani, oltre alla tutela di vari rischi personali e professionali.
Leggi di più

Le mie principali competenze

Analisi strumenti finanziari, trading
Consulenza agli imprenditori
Consulenza patrimoniale
Gestione del rischio finanziario
Ottimizzazione di portafoglio
Pianificazione assicurativa
Pianificazione del patrimonio immob.
Pianificazione pensionistica
Pianificazione successoria
Valutazione Mutui e leasing

I miei credit

  • Iscritto dal 2003 all’albo dei Promotori Finanziari, delibera n. 14326
  • Iscritto dal 2007 all’albo degli Intermediari assicurativi, Sezione E n. E000158244 Allianz, Aviva, Arag, Assimedici
  • Da luglio 2005 a oggi - Financial Advisor presso AllianzBank SpA
  • Da aprile 2002 a oggi - Consulente assicurativo presso Pini e Boleso
Leggi di più

Le mie ultime attività

Avvia podcast

Il ruolo delle Banche Centrali

24.11.2022 / 108 / 4

La politica monetaria delle Banche Centrali in questo particolare momento di crescita dell'inflazione.

Ascolta il mio podcast

Ascolta tutti i miei podcast

IL CICLO DI VITA DELLE PERSONE: SOLUZIONI PER OGNI FASE

15.11.2022 / 38 / 0

Sapevi che, generalmente, la vita di una persona può essere suddivisa in quattro fasi? Ogni fase ha le sue specifiche esigenze: come individuarle? L’analisi patrimoniale è la chiave. La vita di ogni persona può essere suddivisa in quattro fasi. La prima fase è quella dedicata principalmente alla formazione scolastica e può durare fino ai 25 anni. In questa fase, è quindi importante pensare a come proteggere il capitale umano. La seconda fase è quella di avviamento al lavoro, di acquisto della prima casa e magari per alcuni di costruzione della famiglia: ci si trova quindi di fronte ad un aumento dei consumi compensati dai primi guadagni. Anche in questo caso, bisogna valutare come proteggere il capitale umano di tutta la famiglia, si dovrebbe proteggere il proprio patrimonio con le specifiche coperture e bisognerebbe iniziare ad accantonare parte dei propri risparmi nell’ottica della crescita dei figli e consapevoli che bisognerà integrare la pensione statale; si possono inoltre valutare degli investimenti mirati. Segue la terza fase che è un po’ la continuazione della precedente e in cui si raggiunge l’apice della carriera: le esigenze sono simili a quelle della fase precedente, ma si dovrebbe cominciare a pensare alla propria vecchiaia, effettuando anche una pianificazione successoria per evitare liti future. La quarta e ultima fase è caratterizzata da una diminuzione dei redditi e in parte anche dei consumi. Tuttavia, in caso di non autosufficienza, per mantenere un tenore di vita dignitoso, si potrebbe intaccare il patrimonio accumulato. Perciò, sarebbe utile avere una copertura che va ad integrare, in caso di non autosufficienza, la pensione pubblica. Ogni fase della vita ha dei bisogni diversi, a cui corrispondo soluzioni diverse. Affinché si possano trovare le soluzioni più idonee ad ogni esigenza, è consigliabile intraprendere un percorso di analisi patrimoniale che è vantaggiosa per i seguenti motivi: l’analisi permette di avere una visione omogenea del proprio patrimonio e delle criticità che lo caratterizzano; con l’analisi si possono limitare o evitare totalmente le liti familiari future in quanto, avendo chiara la composizione del proprio patrimonio, si può decidere personalmente la destinazione di specifici beni, evitando sperequazioni tra gli eredi. È importante essere consapevoli dei vari rischi che si potrebbero verificare nel corso della vita: l’analisi patrimoniale rappresenta lo strumento migliore per avere una visione completa non solo delle criticità, ma anche delle soluzioni relative ad ogni fase della vita. Scattiamo insieme una panoramica dei tuoi sogni e delle tue esigenze: contattami per un appuntamento conoscitivo!

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

LA PREVIDENZA E LA PROTEZIONE

08.11.2022 / 24 / 0

Previdenza e protezione? Due facce della stessa medaglia, ma con esigenze diverse. Purtroppo, la probabilità di incorrere in un evento che riduca sensibilmente o addirittura annulli la propria capacità di produrre reddito è molto più alta di quella di vincere alla lotteria. Eppure, paradossalmente, è molto più alta la spesa media per i giochi a premi rispetto alla spesa per delle assicurazioni che ci tutelino dai rischi. Per misurare un rischio, si deve considerare la probabilità che si verifichi e il danno economico che può derivarne. Un rischio con grande impatto economico andrebbe trasferito per esempio ad un’assicurazione. Prevenzione e protezione sono due modalità di gestione del rischio: la prima fa sì che diminuiscano le probabilità, la seconda attenua i danni. I rischi si caratterizzano per essere incerti, futuri ed economicamente dannosi. La pensione, come la morte, è un evento futuro, certo e che potrebbe causare un danno economico non sopportabile da un singolo individuo. L’incertezza di questi due rischi sta nel non sapere quando avverrà. In genere, quando si parla di pensione, si pensa alla pensione del futuro, ovvero quella di vecchiaia e quella anticipata, senza considerare le prestazioni pensionistiche che potrebbero maturare nell’immediato. Il sistema previdenziale obbligatorio italiano è a ripartizione, cioè i contributi versati oggi dai lavoratori attivi vengono usati per pagare le pensioni di oggi. L’altro sistema possibile di un regime previdenziale è quello a capitalizzazione, nel quale i contributi versati oggi dai lavoratori sono gestiti per essere poi utilizzati per pagare la pensione dello stesso lavoratore nel momento in cui diviene pensionato. Questo secondo sistema è quello su cui si basa anche la previdenza complementare. Il sistema previdenziale obbligatorio è ancora formato da vari enti gestori: l’INPS e le diverse casse previdenziali deputate all’assistenza e alla previdenza dei liberi professionisti, coloro che sono iscritti ad un ordine professionale. Per quanto riguarda il sistema previdenziale dei liberi professionisti, vanno considerati due importanti decreti legislativi: Il decreto 509 del 30/06/1994 che ha privatizzato le Casse già esistenti Il decreto 103 del 10/02/1996 che ha istituito delle nuove Casse. Le principali differenze tra la gestione dell’INPS e quella delle Casse professionali sono le seguenti: Ogni cassa, essendo autonoma, disciplina in modo diverso i requisiti per maturare le prestazioni Il regime di calcolo dell’INPS è il medesimo per tutti gli iscritti; invece, per le Casse professionali, in genere, il sistema di calcolo è misto o contributivo puro (solo avvocati, veterinari e geometri hanno mantenuto un regime contributivo. Un punto in comune tra INPS e Casse professionali è che le prestazioni sono le medesime, anche se qualche cassa professionale (giornalisti, medici, farmacisti e notai) non prevede la pensione di Invalidità. Le prestazioni pensionistiche possono essere suddivise in due grandi categorie a seconda dell’orizzonte temporale di accadimento: Pensioni di oggi: pensione di invalidità, pensione di inabilità, pensione superstiti diretta. Per questa categoria di pensioni, l’evento è incerto sia nel nell’accadimento che nel quando. Pensioni del domani: pensione di vecchiaia, pensione anticipata, pensione superstiti reversibile. Per questa seconda categoria, l’evento è incerto nell’accadimento ma certo nel quando perché queste pensioni sono tutte regolate da una normativa che stabilisce quando si possono maturare. In conclusione, per il rischio pensione di oggi, si parla di protezione, mentre per il rischio pensione futuro, si parla di previdenza. La protezione risponde al bisogno di sopravvivenza; invece, la previdenza serve a mantenere il tenore di vita. È importante intervenire su entrambi i fronti al fine di essere preparati ad ogni rischio: ad aiutarti c’è la professionalità e l’esperienza di un consulente finanziario assicurativo. Contattami per un appuntamento conoscitivo, anche da remoto.

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi