My News: Finecobank S.p.A.

[ Torna a my news ]
Finecobank - cs risultati 2018
Condividi

Finecobank - cs risultati 2018

Milano, 5 febbraio 2019

Approvati i risultati al 31 dicembre 2018

  • Utile netto rettificato per le poste non ricorrenti1 in forte crescita: 244,4 milioni (+11,8% a/a2)

    • Ricavi totali: 628,3 milioni (+7,1% a/a2)

    • Costi operativi rettificati per le poste non ricorrenti1: € 244,1 milioni (+4,7% a/a)

      • Cost/income ratio in calo: 38,9% (-0,9 p.p.2)

    • Dividendo proposto: 30,3 €/cents per azione (+6,3% a/a)

Il Consiglio di Amministrazione di FinecoBank S.p.A., ha approvato i risultati al 31 dicembre 2018.

Alessandro Foti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FinecoBank, dichiara:

"Fineco archivia anche il 2018 con un utile record e in crescita a doppia cifra, un dato particolarmente importante perché ottenuto in un contesto complesso sui mercati. Questi risultati ribadiscono ancora una volta la capacità del nostro modello di business di affrontare ogni fase di mercato, grazie a una strategia orientata a un percorso di crescita sostenibile nel lungo periodo. Un percorso che vede i suoi pilastri nella qualità della nostra offerta, nell'efficienza operativa, e nella elevata produttività della nostra Rete di consulenti, all'interno di un approccio con la clientela che si basa su trasparenza e rispetto del cliente."

1 Poste non ricorrenti registrate nel 2018: -€2,0 milioni netti (-€3,0 milioni lordi) svalutazione fondo volontario - €1,1 milioni netti (-€1,6 milioni lordi) relativi a severance, -€0,1 milioni netti (-€0,1 milioni lordi) oneri di integrazione.

2 Variazione rettificata per le poste non ricorrenti 2017: -12,9 milioni lordi (-8,6 milioni netti) contributo Schema Volontario, +0,4 milioni lordi (+0,3 milioni netti) rilascio oneri di integrazione, +3,9 milioni rilascio imposte per partecipation exemption su cessione Visa.

FINECOBANK

2018 HIGHLIGHTS

  • Ricavi1 a €628,3 milioni, +7,1% a/a trainati dall'area Investing (+13,5% a/a) con management fees in crescita del 12,5% a/a grazie alla maggiore incidenza dei Guided Products and Services e al contributo di Fineco Asset Mangement oltre al continuo miglioramento della produttività della rete. Si conferma il contributo positivo dell'area Banking (+8,2% a/a) supportata dall'aumento della liquidità transazionale e dalla maggiore incidenza dell'attività di Lending. Solida performance dell'area Brokerage.

  • Costi operativi1 sotto controllo a €244,1 milioni, +4,7% a/a. Cost/Income ratio in calo al 38,9%, -0,9 p.p.a/a

  • Utile netto rettificato1 a €244,4 milioni, +11,8% a/a2

UPDATE INIZIATIVE

  • Prosegue l'espansione dell'attività di Lending, con una costante attenzione alla qualità del credito. Mutui +66,0% a/a, prestiti personali +24,0% a/a, fidi +59,5% a/a

  • La produttività della rete si conferma in continua crescita: Total Financial Assets per consulente finanziario al 31 dicembre 2018 sono pari a €23,2 milioni (+4,7% a/a), patrimonio in Guided Products and Services +7% a/a

  • In continua crescita l'incidenza dei Guided Products and Services rispetto al totale AuM: 67% a dicembre 2018 rispetto al 63% di dicembre 2017.

  • Prosegue senza sosta l'attività di sviluppo della nuova Asset Management Company di diritto irlandese. La società prosegue la sua attività di ampliamento dell'offerta al fine di offrire una gamma di soluzioni più efficienti, più flessibili e più guidate rispetto agli obiettivi di investimento ed al profilo di rischio/rendimento

TOTAL FINANCIAL ASSETS E RACCOLTA NETTA

I Total Financial Assets al 31 dicembre 2018 si attestano a 69,3 miliardi, in crescita del 3,2% rispetto al 2017. Il saldo della raccolta gestita risulta pari a € 33,5 miliardi, sostanzialmente allineato a/a, il saldo della raccolta amministrata risulta pari a 13,8 miliardi di euro (+0,7% a/a), il saldo della raccolta diretta risulta pari a 22,1 miliardi di euro (+10,7% a/a) grazie alla continua crescita della base di nuovi clienti e dei depositi "transazionali".

In particolare, i TFA riferibili alla clientela nel segmento Private Banking, ossia con asset superiori a 500.000 euro, si attestano a 25,8 miliardi di euro, in linea a/a.

Nonostante la complessa situazione di mercato, il 2018 si è chiuso con una raccolta netta record pari a € 6.222 milioni (+4,4% a/a), di grande qualità e ottenuta senza fare ricorso a politiche commerciali di breve periodo. Il mix della raccolta risulta coerente con il contesto più complesso rispetto allo scorso anno: la raccolta gestita ha raggiunto € 2.263 milioni, la raccolta amministrata si è attestata a € 1.830 milioni mentre la raccolta diretta è stata pari a € 2.128 milioni.

Da inizio anno la raccolta in "Guided products & services" ha raggiunto € 2.766 milioni e i servizi di consulenza evoluta di nuova generazione recentemente lanciati si confermano essere molto apprezzati

dalla clientela: Plus ha raggiunto € 4.243 milioni dal recente lancio e Core Multiramo Target € 740 milioni. L'incidenza dei Guided Products rispetto al totale AuM è salita al 67% rispetto al 63% di dicembre 2017.

Al 31 dicembre 2018 la rete dei consulenti finanziari è composta da 2.578 unità distribuita sul territorio con 390 negozi finanziari (Fineco Center). La raccolta da inizio anno tramite la rete di consulenti finanziari è stata pari a € 5.453 milioni (+0,9%% a/a).

Si segnala che al 31 dicembre 2018 Fineco Asset Management gestisce masse per € 10,0 miliardi, di cui € 6,0 miliardi classi retail e circa € 4,0 miliardi relativi a classi istituzionali.

Nel 2018 sono stati acquisiti 111.541 nuovi clienti (-3% a/a). Il numero dei clienti totali al 31 dicembre 2018 è di quasi 1.280.000, in crescita del 6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

PRINCIPALI RISULTATI ECONOMICI AL 31.12.18

I dati e le variazioni nel presente Comunicato Stampa sono esposti al netto delle poste non ricorrenti sotto indicate.

4T17

FY17

3T18

4T18

FY18

mln

Adj. (1)

Adj. (1)

Adj.(2)

Adj.(2)

Adj. (2)

Margine di interesse

70,1

264,8

69,9

71,1

278,7

5,2%

1,4%

1,6%

Commissioni nette

70,7

270,1

72,7

81,8

300,4

11,2%

15,7%

12,5%

Risultato negoziaz, coperture e fair value

11,1

48,2

10,7

8,9

47,3

-2,0%

-19,6%

-16,8%

Saldo altri proventi/oneri

3,9

3,8

-0,4

1,7

1,9

-49,2%

-57,3%

n.s.

RICAVI

155,8

586,9

153,0

163,5

628,3

7,1%

4,9%

6,8%

Spese per il personale

-20,6

-79,3

-21,6

-21,9

-85,0

7,2%

6,3%

1,5%

Altre spese amministrative

-35,0

-143,6

-34,1

-36,3

-148,7

3,6%

3,7%

6,6%

Rettifiche di valore su immobiliz

-2,9

-10,4

-2,5

-3,1

-10,4

0,5%

7,7%

27,5%

Costi operativi

-58,6

-233,2

-58,1

-61,4

-244,1

4,7%

4,8%

5,6%

RISULTATO DI GESTIONE

97,3

353,6

94,9

102,1

384,2

8,6%

5,0%

7,6%

Accantonamenti per rischi ed oneri

-2,2

-19,0

-15,9

-1,8

-21,4

12,4%

-20,2%

-88,8%

Rettifiche nette su crediti

-2,1

-5,4

-0,9

-2,3

-4,4

-18,1%

9,8%

n.s.

Oneri di integrazione

0,0

0,0

0,0

0,0

0,0

n.s.

n.s.

n.s.

Profitti netti da investimenti

-0,1

-0,5

-0,9

-3,2

1,1

n.s.

n.s.

n.s.

UTILE LORDO

92,8

328,7

77,2

94,8

359,5

9,4%

2,2%

22,9%

Imposte sul reddito

-31,2

-110,2

-23,5

-29,2

-115,1

4,5%

-6,2%

24,2%

UTILE NETTO AGGIUSTATO

61,6

218,5

53,6

65,6

244,4

11,8%

6,5%

22,3%

(1) Poste non ricorrenti 2017:

FY18/

FY17

4T18/ 4T17

4T18/ 3T18

  • Profitti netti da investimenti: -€8,6 milioni netti (-€ 12,9 milioni lordi) contributo Schema Volontario

  • Oneri di integrazione: +€0,3 milioni netti (+0,4 milioni lordi) rilascio oneri di integrazione

  • Imposte sul reddito: +3,9 milioni rilascio imposte per partecipation exemption su cessione Visa

(2) Poste non ricorrenti 2018:

  • Risultato negoz, coperture e fair value: -€2,0 milioni netti (-€3,0 milioni lordi) svalutazione fondo volontario

  • Spese per il personale: - €1,1 milioni netti (-€1,6 milioni lordi) relativi a severance

  • Oneri di integrazione: -€0,1 milioni netti (-€0,1 milioni lordi)

I Ricavi del 2018 ammontano a 628,3 milioni di euro, in crescita del 7,1% a/a rispetto al 2017.

Il Margine di interesse si attesta a 278,7 milioni di euro in crescita rispetto ai 264,8 milioni di euro del 2017 (+5,2% a/a) grazie all'incremento della liquidità transazionale e alla maggior incidenza dell'attività di Lending. Il tasso medio attivo relativo all'attivo fruttifero è stato pari all'1,30% nel 2018 rispetto all'1,35% del 2017.

Le Commissioni nette del 2018 si attestano a 300,4 milioni di euro, in aumento di 30,4 milioni di euro rispetto all'anno precedente (+11,2 % a/a). L'incremento è riconducibile principalmente all'aumento delle commissioni nette relative alla gestione dei prodotti del risparmio gestito (+8,3% a/a) e consulenza in materia di investimenti (+15,1% a/a) grazie alla costante attività di riqualificazione delle masse, conconseguente crescita dei Guided products & services e all'inizio dell'operatività di Fineco Asset Management.

Il Risultato negoziazione, coperture e fair value si attesta a 47,3 milioni di euro nel 2018 (-2,0% a/a). Il risultato degli utili realizzati dall'attività di internalizzazione di titoli e contratti CFD, strumenti finanziari utilizzati per la copertura gestionale dei CFD e dalle differenze di cambio su attività e passività in valuta ha registrato una contrazione pari a 3,6 milioni di euro a/a. Il risultato comprende inoltre le componenti reddituali generate dagli strumenti finanziari contabilizzati nelle "Altre attività obbligatoriamente valutate al fair value", tra i quali sono presenti le preferred shares di Visa INC class "C", la cui valutazione al fair value ha determinato un risultato positivo di 1,6 milioni di euro nel 2018. Sono presenti infine gli utili generati dalla vendita di titoli di Stato contabilizzati nelle "Attività finanziarie valutate al fair value con impatto sulla altre componenti reddituali" per un importo di 1,7 milioni di euro.

Il Saldo altri proventi/oneri è positivo per 1,9 milioni di euro ed evidenzia un decremento di 1,8 milioni di euro rispetto all'esercizio precedente. A tal proposito si ricorda che nel corso del 2017 erano stati registrati utili per 4 milioni di euro derivanti dalla vendita di titoli UniCredit, effettuata in ottica IFRS9.

I Costi operativi del 2018 si confermano sotto controllo a 244,1 milioni di euro (+4,7% a/a). Il cost/income ratio, infatti, si attesta al 38,9% nel 2018, in calo di 0,9 p.p. rispetto al 39,7% del 2017.

Le Spese per il personale ammontano a 85,0 milioni di euro (+7,2% a/a) e registrano un incremento di 5,7 milioni di euro per effetto dell'aumento del numero dei dipendenti, passati da 1.119 al 31 dicembre 2017 a 1.170 al 31 dicembre 2018 e di maggiori costi derivanti dal piano di incentivazione 2018-2020. Si evidenzia che le spese per il personale relative alla controllata Fineco AM, non presenti nel 2017, ammontano a 2,3 milioni di euro.

Le Altre spese amministrative ammontano a 148,7 milioni di euro, di cui 1,6 milioni di euro registrate dalla controllata Fineco AM. L'aumento rispetto all'anno precedente, pari al 3,6%, si conferma contenuto rispetto al continuo ampliamento di attività, masse e clientela grazie alla forte leva operativa della Banca.

Il Risultato di gestione si attesta a 384,2 milioni di euro, in crescita dell' 8,6% a/a.

Gli Accantonamenti per rischi e oneri si attestano a 21,4 milioni di euro, in crescita del 12,4% a/a dovuto principalmente a maggiori oneri per il contributo ordinario annuo ai Sistemi di Garanzia dei Depositi (DGS) e per il contributo destinato al Fondo di Solidarietà versati al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, pari a 14,3 milioni di euro (rispetto ai 10,6 milioni di euro dell'anno precedente), parzialmente compensati da minori accantonamenti netti al fondo rischi per controversie legali.

Le Rettifiche nette su crediti ammontano a 4,4 milioni di euro in calo del 18,1% rispetto ai 5,4 milioni di euro del 2017. Occorre precisare che il principio contabile IFRS 9, entrato in vigore a partire dal 1° gennaio 2018, ha introdotto un nuovo modello contabile di impairment per le esposizioni creditizie e ha determinato per la Banca un ampliamento del perimetro di valutazione; pertanto il confronto rispetto al 2017 non è significativo. Il dato al 31 dicembre 2018 vede da un lato un lieve incremento delle rettifiche per crediti commerciali retail rispetto al 2017, determinate dal significativo incremento delle esposizioni in bonis (i crediti deteriorati sono sostanzialmente invariati rispetto all'anno precedente), e dall'altro beneficia di riprese di valore relative principalmente alle esposizioni nei confronti della Capogruppo UniCredit, in relazione al decremento delle esposizioni ed al miglioramento del profilo di rischio delle stesse.

I Profitti netti da investimenti si attestano a 1,1 milioni di euro. Il principio contabile IFRS 9 ha introdotto significativi cambiamenti, pertanto il confronto rispetto all'anno precedente non è significativo. La voce

Disclaimer

Finecobank S.p.A. ha pubblicato questo contenuto il 05 febbraio 2019. La fonte è unica responsabile delle informazioni in esso contenute. Distribuito da Public, senza apportare modifiche o alterazioni, il 05 febbraio 2019 12:05:07 UTC

MoneyController ti propone anche

Condividi