Reinaldo Ferreri

Reinaldo Ferreri

Rating:

Consulente finanziario

Punteggio ottenuto

dal giudizio dei lettori

Ha ricevuto 16 votazioni
Vedi la scheda

26/09/2021

Data ultimo
voto

0

Voti ultimi
30gg

Se mi conosci votami

Allianz Bank Financial Advisors
Lecco, Bergamo, Como, Monza e della Brianza, Varese
-
Oltre a 10 anni
Laurea specialistica
56 anni
4437
26 settembre 2018
MoneyController Financial Educational Award Top Financial Educational

Awards: I-2022 , anno 2021, anno 2020, anno 2019,

Punteggio ottenuto

dal giudizio dei lettori

Ha ricevuto 16 votazioni
Vedi la scheda

26/09/2021

Data ultimo voto

0

Voti ultimi 30gg

Se mi conosci votami

Profilo professionale

Nasco a Caracas (Venezuela) il 27/12/1967 da padre italiano e madre spagnola ma sono cresciuto in Italia. Dopo le scuole dell'obbligo frequento il Liceo Scientifico F. Lussana di Bergamo, nel quale mi diplomo nel 1986.
Mi sono laureato alla facoltà di Scienze Politiche ad indirizzo Economico Generale nel 1992, anno successivo dalla pubblicazione della legge nr 1 del 2 gennaio 1991 che disciplina l'attività di intermediazione finanziaria istituendo le SIM e normando la professione dei Promotori Finanziari. Decido di svolgere l'attività professionale di Promotore Finanziario, nel 1992 supero l'esame presso la Consob e mi iscrivo all'albo dei Promotori di servizi finanziari operando per AreaConsult Sim.
In Areaconsult Sim nel 1994 divengo supervisore e coordino 3 collaboratori. Nel 1995 entro in Banca Popolare di Sondrio presso la costituenda succursale di Bergamo con il compito di seguire la clientela private e sviluppare nuove relazioni sul territorio . In questo periodo apprendo le dinamiche operative proprie degli istituti di credito e approfondisco l'utilizzo degli strumenti finanziari legati ai tassi di cambio e a prodotti strutturati che affianco ai fondi comuni distribuiti dall'istituto. La gestione dei portafogli dei clienti mi fornisce molte gratificazioni, ma i progetti manageriali mi attirano molto e nel 1998 Banca Popolare del Trentino mi propone di realizzare un progetto innovativo di creazione di una rete di promotori finanziari sinergica alla struttura delle filiali presenti nel territorio trentino. Mi trasferisco a Trento e in collaborazione con il personale dell'area IT, dei direttori delle dipendenze e delle professionalità della tesoreria realizzo una rete di promotori finanziari. Concludo accordi di distribuzione con molteplici società di gestione del risparmio Italiane e internazionali affiancati da innovativi prodotti di bancasicurazione sviluppati in collaborazione con primarie compagnie assicurative. L'esperienza trentina termina con l'adesione da parte della compagine sociale all'OPA su BPT da promossa da Banca Popolare di Lodi nel 2001. Nel settembre dello stesso anno, approdo alla neonata Banca Lecchese con l'incarico di sviluppare la rete dei promotori finanziari e degli operatori di filiale, secondo un approccio consulenziale evoluto in architettura aperta. In Banca Lecchese arricchisco il mio bagaglio di competenze anche nell'ambito creditizio, ed in qualità di coordinatore commerciale divengo membro del comitato crediti della banca dal 2014. Dal marzo del 2017 il modello operativo di Banca Lecchese viene stravolto a seguito dell'acquisizione della stessa da parte di un veicolo finanziario riconducibile a Oaktree Capital , fondo di private equity americano. Le 5 filiali vengono chiuse in poco tempo e Banca Lecchese cambia nome in Banca Progetto che intende operare solo on line nell'ambito del factoring e finanziamenti con cessione del quinto e credito al consumo. Dal marzo 2017 opero in Allianzbank in qualità di financial advisor, la mia esperienza nel mondo bancario e nella gestione dei portafogli titoli unita alle competenze nel settore creditizio sono ora messe a disposizione diretta della clientela che seguo nell'ambito del risparmio privato o della gestione della liquidità aziendale. Guarda il mio biglietto da visita
Leggi di più

Le mie principali competenze

Analisi strumenti finanziari, trading
Consulenza agli imprenditori
Consulenza patrimoniale
Gestione del rischio finanziario
Ottimizzazione di portafoglio
Pianificazione assicurativa
Pianificazione del patrimonio immob.
Pianificazione pensionistica
Pianificazione successoria
Valutazione Mutui e leasing

I miei credit

  • Iscritto albo Ivass
  • Da febbraio 2017 a oggi - Consulente finanziario presso Allianzbank
  • Da aprire 2013 a oggi - Responsabile commerciale presso Banca Popolare Lecchese SpA
  • Da luglio 2001 a oggi - Coordinatore commerciale membro comitato crediti presso Banca Lecchese SpA
  • Da aprile 1998 a agosto 2001 - Res. Rete Promotori Finanziari presso Banca Popolare del Trentino
Leggi di più

Le mie ultime attività

Cripto, il prezzo della libertà

22.12.2022 / 122 / 5

Ci sono voluti quasi una decina di anni di anonimato  o perlomeno di crescita sottotraccia prima che il grande pubblico si avvicinasse al mondo delle criptovalute, la più nota fra tutte, il Bitcoin nasce infatti  nel 2008 e le prime quantità “minate”  vedono la luce nell'anno successivo. A quel tempo i miners con ogni probabilità erano i soli detentori di criptovalute e rappresentavano più che una community , una sorta di limitato e chiuso gruppo di nerd informatici un pò visionari e un po' stravaganti. La specificità di questo gruppo unita al tecnicismo sottostante del processo di creazione di criptovalute di cui la blockchain rappresenta la struttura portante ha confinato per diverso tempo tutto il settore al margine degli interessi di masse di utenti e con loro l'interesse dell'opinione pubblica . Ancora oggi il tecnicismo della blockchain e le caratteristiche degli algoritmi informatici alla base della creazione delle criptovalute restano riservati ad una elite di operatori , non così la diffusione. Oggi, la negoziazione e detenzione delle criptovalute è divenuta una attività svolta da crescenti masse di popolazione appartenenti per lo più alle nuove generazioni. In altri termini, molti detentori di criptovalute ( il termine risparmiatori lo trovo inadatto) agiscono come acquirenti o venditori utilizzando specifiche piattaforme di negoziazione, senza avere una minima idea delle caratteristiche delle diverse criptovalute, delle variabili che ne determinano le oscillazioni nei valori, della solidità del sistema delle piattaforme di negoziazione, della validità delle blockchain alla base delle singole cripto, ecc.,   assimilando le criptovalute in qualche misura a “speciali” e più moderne valute, al pari di Euro, Dollari o Franchi . Nulla di più sbagliato e pericoloso. Tutta la narrazione venutasi a sviluppare intorno alle criptovalute ha concorso ad allontanare ulteriormente dalla comprensione umana  l'intero settore. Secondo questa narrazione le criptovalute rappresentano il nuovo e “universale” valore di pagamento mondiale, grazie al quale possiamo acquistare e vendere beni e servizi in totale anonimato e pagare in tempo reale senza necessità di intermediari (banche o operatori del sistema finanziario) che lucrano con elevate commissioni sulle transazioni finanziarie, con le cripto possiamo agire nel mondo materiale e nell'immateriale ottenendo dei diritti di utilizzo attraverso token, scambiabili e fruibili in totale libertà e rapidità.... e naturalmente in contesto totalmente anonimo . Sembra l'Eldorado, ma siamo sicuri che le cose stanno così ? Questa libertà ha un prezzo ? Non solo ha un prezzo, ma ha anche conseguenze tutt'altro che trascurabili di cui dobbiamo assolutamente e rapidamente prenderne atto , vediamone alcune . Lo scambio di criptovalute avviene all'esterno del sistema finanziario mondiale, le cripto sono negoziate e scambiate su apposite piattaforme e conservate non in conti bancari ma in portafogli (wallet) informatici custoditi da password personali in spazi gestiti da apposite società la cui attività non è regolamentata da un organismo centralizzato che offra garanzia di ultima istanza,  quali invece  sono le banche centrali per le valute nazionali ($,Eur, £, ecc). Ciò espone l'investitore ad un livello di garanzia limitata , se ne sono accorti gli operatori del sistema operanti attraverso FXT la piattaforma di scambio di criptovalute che è implosa quest'anno  generando un buco di 30 miliardi di dollari situazione che è successiva al crack delle stable coin Terra/Luna  della piattaforma Block FI. A differenza che per il sistema bancario, nell'ambito delle criptovalute non esiste una “Banca Centrale” che funga da garante ultimo per il detentore di valute, pertanto le vittime di questi crack non hanno autorità a cui appellarsi. Propio la non dipendenza da unità centrali accentratrici e regolamentate ha sempre rappresentato un punto di forte impatto emotivo per lo sviluppo delle criptovalute, punto che però come vediamo non è scevro da controindicazioni. Un'altro aspetto importante relativo alle criptovalute è quello legato alla differenza fra gli elementi che ne determinano il “valore” e quelli che ne concorrono a formarne il “prezzo”. Distinguo le due cose, perchè il prezzo di una valuta (cripto comprese) è ottenuto dall' equilibrio fra domanda ed offerta del mercato,  mentre il valore è funzione di altri parametri, che nel caso delle valute canoniche è funzione dell'entità delle riserve della banca centrale emittente, dei livelli dei tassi di interesse , della quantità di  moneta circolante e dalla forza economica in termini di PIL  del paese emittente ,  il valore delle criptovalute invece è definito essenzialmente da 2 entità : 1- la validità e utilità dell'algoritmo relativo alla blockchain, che rappresenta un elemento noto esclusivamente agli addetti ai lavori (esperti informatici) ; 2- dalle risorse necessarie per risolvere gli algoritmi crittografici della blockchain che permettendo la chiusura di un blocco di informazioni generano come “pagamento” per i miners la criptovaluta. In questo ambito sono determinanti i costi delle apparecchiature (server e computer) che eleborano i processi informatici criptati necessari per generare criptovalute, ma entrano anche i costi dell'energia necessaria per i molteplici processori impegnati . A questo proposito si pensi che 12 mesi fa la creazione di un Bitcoin richiedeva un costo di energia elettrica di circa eur 10.000 per singolo Bitcoin , provate ad immaginare oggi e in futuro con i costi dell'energia lievitati quale impatto questi possano avere sulla convenienza nell'attività estrattiva di Bitcoin da parte dei miners.   Garante della forza della criptovaluta è la forza dell'algoritmo sottostante, la sua capacità di poter incrementare nel tempo il numero di transazioni sicure e non hakerabili, l'adesione al suo protocollo da parte di diverse entità, la sicurezza e il processo di validazione delle transazione da parte dei partecipanti al processo di soluzione dell'algoritmo, come vediamo tutte cose lontane dai fondamentali economici finanziari delle valute canoniche . Ma l'aspetto forse più “rivoluzionario” promesso  dalle criptovalute sta nella loro capacità di essere fuori dal sistema finanziario, lo scambio di criptovalute è libero e non necessita intermediari (banche) garantisce ai possessori l'anonimato ( e ciò le rende potenzialmente oggetto di sottostante attività criminose)  solo l'algoritmo e i partecipanti alla sua elaborazione e soluzione hanno titolo a  “minare” nuove criptovalute che chiunque  potrà comprare e negoziare su piattaforme dove coperti da anonimato i partecipanti si scambiano criptoasset . Potrebbe esistere nel mondo uno o più milionari in criptovalute che protetti da totale anonimato possono dedicare le propie ricchezze allo sviluppo di progetti criminali non facilmente perseguibili. Per questo motivo,  la forza rivoluzionaria  delle criptovalute si sta rivelando anche un limite, la libertà ha un prezzo, lo sanno bene gli oltre 1 milione di creditori truffati  (di cui 100.000 solo in Italia) dalla piattaforma di scambio di criptovalute  FXT protagonista di un crack finanziario per 30 miliardi di Dollari (paragonabile alla truffa Madoff del 2008 ) privi di tutela da parte di una unità centrale garante (non prevista nelle criptovalute) . Detentori truffati che nemmeno sono in grado di provare ad una autorità giuridica la  titolarità delle  criptovalute rubate loro e data l'anonimità del possesso non sono nemmeno in grado di provare con certezza la consisenza esatta del contenuto dei loro wallets. Non c'è che dire, la Cripto libertà mai come oggi pretende un  prezzo. Siamo sicuri di voler correre il rischio di  barattare  l'anonimato sullo scambio di criptovalute con la titolarità dei nostri conti correnti ed investimenti depositati in istituti di credito? Siamo consapevoli dei rischi che corriamo beneficiando della non applicazione di imposte sugli strumenti digitali negoziati, rispetto all'imposizione fiscale a cui sono soggetti i nostri investimenti “tradizionali”? E ancora, quanto vale la pesantezza del controllo bancario unita alla garanzia offerta dalle banche centrali sui depositi in valuta (cartacea o digitale) che giacciono sui nostri conti bancari, nei nostri portafogli di pelle o nelle nostre carte di credito pronti ad essere spesi,  rispetto alle criptovalute giacenti in un portafoglio digitale il cui smarrimento delle password di ingresso corrisponde alla impossibilità di recuperare l'intero contenuto ? La criptolibertà ha un prezzo, devi conoscerlo per accettarlo.

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

Avvia podcast

Nuove opportunità per l'obbligazionario, come approcciare l’investimento

22.11.2022 / 125 / 4

Il grande rito erno di appeal delle obbligazioni pone l’investitore davanti a scelte non semplici . L’esperienza recente dell’aumento dei tassi e dell’inflazione ha colpito diversi risparmiatori che hanno visto il forte calo dei prezzi quindi dei controvalori patrimoniali delle proprie obbligazioni . Ciò espone l’investitore  al rischio di effettuare scelte sbagliate ed emotive sui propri portafogli. Quale l’approccio preferibile  per cogliere al meglio l’opportunità dell’investimento in obbligazioni ?

Ascolta il mio podcast

Ascolta tutti i miei podcast

Avvia video

Cina: regolamentare per garantire una crescita sostenibile

23.08.2021 / 382 / 7

La scelta cinese di regolamentare le aziende strategiche per lo sviluppo futuro quali quelle del settore tecnologico, dell’educazione o della fornitura di lavoro a prima vista pare una azione interventista dirigista non apprezzata dai mercati, Ma siamo sicuri che è così? Non è forse la volontà di un governo di evitare distorsioni economiche e finanziarie pericolose per risparmiatori e lavoratori mettendo in atto azioni volte a garantire uno sviluppo duraturo sostenibile?

Guarda il mio webinar

Guarda tutti i miei webinar

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi