Claudio Boni

Consulente finanziario

II° 2020
I° 2020
Allianz Bank Financial Advisors Spa
Firenze, Bologna, Pistoia, Prato
Oltre a €40MLN
Oltre a 10 anni
Laurea
46 anni
513
17 febbraio 2020
II° 2020
I° 2020

Profilo professionale

Laurea in giurisprudenza, specializzato in Wealth management alla Bologna Business School dell'Università di Bologna, sono consulente finanziario per Allianz Bank dal 2002.
Sono membro della Chartered Financial Analyst Society Italia.
Da cinque anni faccio educazione finanziaria nelle scuole superiori di Borgo San Lorenzo. Sono anche consulente assicurativo plurimandatario, sempre dal 2002.
Il mio approccio e ' quindi convintamente trasversale. Cosa vuol dire? Spesso si ha logiche di investimento corrette , ragionate ed efficienti , ma magari la nostra casa non è assicurata per l'incendio o il terremoto, oppure andiamo al parco col cane serenamente...
Eppure un piccolo incidente puo' mettere a rischio tutto il nostro patrimonio finanziario e tutta la pianificazione del rischio si sbriciola in un attimo.
Le polizze liberano risorse economiche , sono coperture indirette del patrimonio finanziario.
Molto più di tanti strumenti finanziari, ed in maniera certa.
Il “se succede qualcosa...” può essere spesso neutralizzato, liberando cosi' gli investimenti da vincoli esterni e permettendo maggiore libertà nell'allocazione. Non è possibile fermarsi al mero risk management di portafoglio, perché è parziale.
Il risk management è totale , personale, familiare. Lavoro per una banca “aperta” , cioè che colloca prodotti di molte altre case di investimento e lo stesso approccio l'ho scelto per il settore assicurativo; anche qui collaboro con molte compagnie.
Il vantaggio per il servizio al cliente è palese,scelgo il meglio in base alle esigenze. Ho competenze private equity , sulle questioni successorie e di passaggio generazionale: affianco le le famiglie, le aziende e gli imprenditori nelle loro scelte , dalle più semplici alle più sofisticate come i trust, affidandomi ad un network di professionisti di riconosciuta professionalità. Ecco come interpreto quindi la mia professione , in maniera davvero olistica.
Leggi di più

Le mie principali competenze

I miei credit

  • Da aprile 2002 a oggi - Consulente finanziario presso Allianzbank F.A.
  • Da febbraio 2002 a oggi - Partner presso Assicurazioni Boni srl
  • Da aprile 2009 a oggi - Partner presso Hermes Consulting srl
  • Da luglio 2014 a maggio 2019 - Assessore , comune di Borgo San Lorenzo
  • 1994 - 2000 - Laurea in Giurisprudenza, "Il diritto e Internet" presso l'Università di Firenze
  • 2019 - 2020 - Corso in Wealth management presso BBS , Bologna Business School - Università di Bologna
  • 2019 membro del CFA Institute
  • 2001 - 2002 - Master, Marketing & media presso Profingest Bologna
  • 2011 - 2012 - Master, Business and executive coaching presso SCOA
  • 2006 - 2007 - Master part time, Distribuzione assicurativa presso Allianz Business School
VEDI I MIEI ATTESTATI
Leggi di più

Le mie ultime attività

“ La pensione : quanto sarà e come posso integrarla? Il primo passo di ogni corretta pianificazione finanziaria familiare.

17.09.2020 / 107 Visualizzazioni

E' Settembre e siamo tutti impegnati a ripartire con le nostre attività , professionali o meno, cercando una parvenza di normalità nel mondo post Covid. Penso quindi che possa anche essere  un momento opportuno per riflettere, e quindi pianificare , su un argomento importante come la pensione o,piu'  in generale , il ritiro dal mondo del lavoro. Lo dico anche alla luce di alcune recenti analisi di mercato  che danno la oggi la pensione come uno delle  massime preoccpazioni ( dopo i figli) per gli italiani. Addirittura per 1 italiano su 2. Voglio parlare in maniera semplice e dando dei numeri chiari per avere un'idea realistica. Quale sarà la pensione di un giovane che lavora da poco o inizia ora , ponendo una carriera lineare e senza troppi buchi contributivi? Le più recenti analisi e proiezioni  sul sistema italiano dicono che la pensione  sarà il 60% dell'ultimo stipendio. E quanto sarà questo stipendio?  Mi interessa poco saperlo;mi basti immaginare se domattina andassi in pensione con una riduzione del 40% del mio stipendio attuale... In relazione a questo, la ricerca e l'evidenza pratica pongono come obiettivo l'80% dell'ultimo stipendio come valore con il quale mi posso ritirare senza  fare rinuncie particolari. E se sono un autonomo? Avendo aliquote previdenziali più basse di un dipendente (9 punti circa) , la pensione sarà il 45-50% del mio ultimo reddito netto . Questo il linea generale. Come faccio quindi in questo caso ad arrivare a questo benedetto 80%? La prima buona notizia è che , se ho tempo a disposizione, le cifre in ballo non sono neanche altissime. La seconda buona notizia è che ciò che verso volontariamente nella previdenza integrativa, sia io dipendente che autonomo, lo deduco integralmente dal reddito fino a 5164 annui, con una grossa agevolazione fiscale. Riduco l'imponibile, insomma, e su questa cifra non ci pago tasse. O, in altre  parole, lo stato mi garantisce un rendimento pari alla mia aliquota Irpef piu' alta. Per un dipendente quindi basterà agire su due aspetti: 1- mettere il tfr in un fondo pensione  (con cui  integro circa un ulteriore 10% per arrivare al famoso 80% ); la tassazione è molto più bassa che tenerlo in azienda , dal 15 massimo al 9% contro un 23-25%. 2-mettere una cifra simile nellla previdenza integrativa , quindi , poniamo, la tredicesima. E sono a posto , forse anche oltre l'80% che è il traguardo per una serena terza età’. E per un autonomo? A cazzotto, come diciamo a Firenze, con un paio di “ mensilità “abbondanti  accantonate ogni anno nella previdenza integrativa mi avvicino al traguardo dell'80%. È chiaro che stimando un reddito più alto si potrebbe/dovrebbe anche valutare di affiancarci  altri tipi di investimenti . Ma l'utilizzo della leva fiscale completa, cioè 5164 euro, non può non essere sfruttato. È il primo  passo per una pianificazione finanziaria adeguata che coinvolga il patrimonio  a 360 gradi, molto prima di pensare al dove mettere questi soldi. E' un obiettivo implicito e spesso inconsapevole che ognuno di noi ha , ed è il punto di partenza di ogni mia pianificazione finanziaria dei nuclei familiari.

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

Il capitale garantito: spieghiamoci davvero bene.

06.07.2020 / 265 Visualizzazioni

In queste settimane ho avuto alcune esperienze professionali che mi hanno fatto sentire l'esigenza di apporfondire questo tema , che ho già trattato in un post di Febbraio, sempre attuale per l'investitore italiano.

Guarda il mio webinar

ETF alla prova della crisi; sono davvero lo strumento perfetto?

12.06.2020 / 283 Ascoltatori

 Vista la loro crescente diffusione in tutto il mondo, analizziamone i pregi e i difetti 

Ascolta il mio podcast

Ascolta tutti i miei podcast

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi