Marco Beccaria

Consulente finanziario

I° 2021
IV° 2020
III° 2020
Finecobank
Cuneo, Alessandria, Asti, Savona, Torino
Fino a €20MLN
Fino 5 anni
Laurea specialistica
26 anni
501
21 settembre 2020
I° 2021
IV° 2020
III° 2020

Profilo professionale

Sono un professionista della consulenza patrimoniale preparato e determinato, che mette la relazione con i clienti e l'ascolto delle loro necessità sempre al primo posto.
Svolgo la professione che amo mosso da una genuina e radicata passione, a mio avviso condizione necessaria per apportare veramente valore aggiunto alle persone che mi esprimono fiducia affidandomi i loro risparmi, consapevole della responsabilità che ciò comporta, per essere per loro un punto di riferimento.
Etica, competenza e un rigoroso aggiornamento costante rappresentano elementi chiave del mio operato e del modo in cui vivo, anche e non solo, il mio lavoro, consentendomi di sviluppare costantemente soluzioni sempre ottimali in un mondo che cambia continuamente.
Ritengo che la personalizzazione dei rapporti, l'assenza di conflitti di interesse e di logiche di prodotto che la libera professione mi garantisce sia la discriminante per poter fornire un servizio che faccia effettivamente gli interessi dei clienti, una consulenza che sia "cucita su misura" per ciascuno, essendo così realmente al loro servizio in modo onesto e trasparente.
Leggi di più

Le mie principali competenze

I miei credit

  • LAUREA MAGISTRALE in FINANZA AZIENDALE E MERCATI FINANZIARI Presso l’Università Degli Studi di Torino, con votazione di 110 e LODE/110
  • LAUREA TRIENNALE in SCIENZE DELL’ECONOMIA E DELLA GESTIONE DELLE IMPRESE Presso l’Università Degli Studi di Torino, con votazione 110/110
  • CERTIFICATI DI LUNGUE: FIRST CERTIFICATES of ENGLISH Cambridge Assessment English LIVELLO B2, DELF B2: Ministère de l’Éducation Nationale et de la Jeunesse LIVELLO B2
  • CERTIFICAZIONI PROFESSIONALI: Alta Formazione di Finanza Sostenibile ALTIS – Alta Scuola di Imprese e Società Università Cattolica del Sacro Cuore
Leggi di più

Le mie ultime attività

L’IMPORTANZA DEI COMPORTAMENTI

07.06.2021 / 47 / 1

Quanto sono importanti i nostri comportamenti quando investiamo? Moltissimo, perché vanno ad influire sull’unica variabile su cui non abbiamo controllo a priori: il rendimento. L’altra componente è la costruzione di un portafoglio efficiente: è il primo fondamentale passo ed è la traduzione pratica invece di tutte quelle variabili su cui possiamo decidere. Orizzonte temporale, efficienza di costi, ma soprattutto profilo di rischio. Quest’ultimo in particolare è l’anello di congiunzione con l’altra parte dell’investire, i comportamenti appunto. Infatti, tra i rendimenti attesi e i nostri investimento, ci sono proprio loro. Come esseri umani infatti tendiamo a reagire “di pancia” e non in base alla razionalità, collegando emozioni ed informazioni. Nel momento in cui, quindi, il rischio non può mai essere azzerato, diventa importante gestirlo nel modo corretto, e errori comportamentali come l’overconfidence, la paura di perdere il treno e l’ancoraggio mentale sono solo alcuni esempi degli elementi da gestire per arrivare a quel rendimento, che poi, è l’unica cosa che non possiamo controllare. Un consulente preparato e professionale, oltre ad essere un consulente finanziario, deve anche essere consulente comportamentale per i propri clienti, costruendo portafogli e soluzioni di investimento efficienti ed adeguate prima, e indirizzando verso i giusti comportamenti poi.  

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

Prima regola negli investimenti: la Diversificazione

21.04.2021 / 59 / 1

La diversificazione è la prima regola negli investimenti, o almeno per coloro che non sanno predire il futuro. Posto che la sfera di cristallo non ce l’ha nessuno, è impossibile sapere a priori come andrà un certo titolo o un certo mercato. Partendo da questo assunto, mettere tutte le proprie risorse investibili in un solo titolo (o pochi) o una sola tipologia di attività (o poche) può rivelarsi molto rischioso, e non risponde in alcun modo ad alcun sano principio di consulenza finanziaria. Parliamo sempre di investimento, NON di speculazione: per quella un solo titolo o una sola classe di attività bastano e avanzano. Ma se ci si concentra sulla parte strategica del proprio patrimonio, quella che ha un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, che deve essere adeguatamente costruita in base al proprio profilo di rischio e che soprattutto mira a raggiungere i propri obiettivi, allora la diversificazione diventa fondamentale. Il grafico infatti ci mostra chiaramente da una parte come se si hanno pochi titoli in portafoglio il rischio sia estremo, e dall’altra che il rischio, rappresentato dalla forbice delle performance attese, si riduce drasticamente con l’aumentare della diversificazione. Lo stesso ragionamento viene fatto se si ragiona in una logica di costruzione di portafoglio, con la volatilità (indicatore del rischio) che si riduce all’aumentare delle asset class inserite. E più esse sono de-correlate tra di loro, ossia si muovono in modo diverso se non addirittura inverso tra di loro, e più la diversificazione è efficace. La diversificazione dunque consente di minimizzare i rischi, efficientare il portafoglio e, in ultima analisi, contribuisce in modo determinante al raggiungimento dei propri obiettivi. Per applicarla correttamente però occorre analizzare, studiare le varie asset class, guardare la loro correlazione, considerare vincoli specifici, condizioni contingenti e liquidabilità degli investimenti, il tutto con un occhio sempre rivolto ai costi: una vera pianificazione finanziaria di portafoglio. E qui infatti che il ruolo del professionista della consulenza risulta fondamentale, perché tutte quelle attività le fa in modo professionale, con strumenti avanzati, spiegando con trasparenza la soluzione identificata come quella ottimale attraverso reportistiche puntuali e complete e monitorando costantemente i risultati conseguiti, in modo da poter correggere la rotta per raggiungere i propri obiettivi.

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

Quanto si ascoltano i rumori di sottofondo?

07.04.2021 / 92 / 1

Tutti sentiamo dei rumori che ci danno fastidio, non voluti, che non ci piacciono. Quindi? Niente, sappiamo che prima o poi quel rumore finirà e potremmo tornare ad ascoltare la nostra musica. Negli investimenti i rumori si traducono con volatilità e correzioni di breve termine: accadono, sono inevitabili, ma se gli viene data troppa importanza possono condizionare il proprio processo decisionale dando adito a quegli errori comportamentali che allontanano dai propri obiettivi finanziari. In un mondo interconnesso in cui notizie e micro tendenze tendono ad amplificarsi è sempre più importante imparare a rimanere calmi, concentrati, a darsi un protocollo e un metodo per investire. Essa infatti è un’attività che richiede disciplina e pazienza. Non ci sono scorciatoie per arrivare ai propri obiettivi finanziari. Toccare il meno possibile è essenziale per evitare errori emotivi (si ricordi sempre che se negli ultimi 20 anni si fossero persi i 5 giorni migliori dello S&P500, e dico 5, il rendimento del proprio investimento si sarebbe ridotto di ben il 34%). Come investitori occorre accettare che esistono delle interferenze, dei rumori di sottofondo, ma anche che occorre rimanere concentrarsi sull’obiettivo finale, attenendosi minuziosamente alla pianificazione finanziaria concordata in precedenza. Evitare quindi di controllare ossessivamente i rendimenti, di farsi prendere dalla paura quando il mare è più mosso, ma anche evitare l’eccessiva fiducia che i propri investimenti non potranno mai perdere e di non vedere i rischi in un bull market. L’importanza del consulente finanziario non si rileva solo nella fase di pianificazione ma anche e soprattutto nella fase di esecuzione di quel piano, per gestire correttamente l’emotività, imparando a non ascoltare i rumori di sottofondo, nemici delle proprie scelte.

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi