Massimo Rossi

Consulente finanziario

Consulenti Finanziari Autonomi Indipendenti
Venezia
Fino a €20MLN
Oltre a 10 anni
Diploma di specializzazione
48 anni
111
17 dicembre 2019

Profilo professionale

Sono Massimo Rossi, 47 anni, sposato e nato a Venezia. Dopo 15 anni di lavoro nel gruppo Generali come commerciale e promotore finanziario, non sopportavo più il conflitto di interesse: mi sono dimesso (2011), ho studiato, capitalizzato l’esperienza e aperto il mio studio di consulenza finanziaria indipendente.Aiuto i miei clienti a non essere oggetto della pressione commerciale di banche e reti, che mina la loro possibilità di pianificare correttamente secondo le loro esigenze. Sono un coach finanziario e quindi li aiuto a non fare i distruttivi errori comportamentali.Tutti, dovrebbero usufruire della consulenza indipendente. Il sistema è pervaso dal conflitto di interesse. I clienti italiani pagano per i loro servizi in banca troppo. A Mestre sono ancora da solo, quindi, obtorto collo, sono “costretti” a scegliermi. A parte gli scherzi, ho preso la mia professione come una missione da perseguire seriamente e con la massima diligenza, professionalità, empatia.

Le mie principali competenze

I miei credit

Le mie ultime attività

2019, l’anno della trasparenza. O no?

17.12.2019 / 181 Visualizzazioni

Il primo gennaio 2019 è entrata in vigore (con un anno di ritardo, gentilmente concesso dal regolatore) la MIFID2: una Direttiva Europea recepita anche da noi. Ha promosso una grossa novità, la TRASPARENZA dei servizi finanziari erogati dalle banche. Comunicare, per la prima volta, il costo totale anche in cifra (del 2018). Il primo anno di applicazione, è passato, è tempo di fare un bilancio.   C’è da dire che, imporre ad un sistema, quello bancario, che fa dell’OPACITA’ e del confitto di interesse l’architrave del suo business, di svelare uno dei segreti meglio custoditi del mondo, era un obiettivo sfidante.    Infatti, il sistema ha fatto di tutto per non comunicarei COSTI (percentuale e valore numerico del 2018) in modo chiaro e facilmente comprensibile. Sentirsi dire che l’anno prima il portafoglio è costato il 3.24%, non è (per la maggior parte dei risparmiatori) la stessa cosa di sentirsi dire 40.000 €! Questo perché molti non hanno dimestichezza con le percentuali e la comprensione di un testo.    Sono stati eseguiti alcuni studi sui rendiconti inviati dalle principali banche e intermediari (reti di promotori). Solo 5 banche su 18 hanno rispettato la Direttiva. Che evidentemente non era scritta bene, non aveva dato un modello standard da usare.    Le criticità evidenziate sono state molte, in primis il fatto che in molti report, non ci fosse nemmeno scritta la parola “Costi”, ma solo termini astrusi tipo “inducement”. Tutti hanno indicato correttamente (con alcune eccezioni) i costi. Ma se li metti a pagina 34 delle 45, di un documento che parla di tutt’altro, annegati in un mare di parole, induci il risparmiatore a cestinare la preziosa comunicazione. Se in più, lo invii con grande ritardo, adducendo motivazioni risibili, in estate ad agosto o settembre (otto mesi dalla fine dell’anno, con tutti in ferie), ottieni il risultato che ti eri prefigurato: non rispettare la Direttiva. Il segreto architrave del sistema, è salvo.   Che dire? La consulenza finanziaria indipendente garantisce, essendo estranea a queste logiche, chiarezza nella comunicazione e estraneità a qual si voglia conflitto di interessi restal’unica ancora di salvezza del risparmiatore. L’unica che lo aiuta a pianificare correttamente, e accompagnandolo nel mare tempestoso della finanza. L’unico obiettivo del consulente indipendente è fare l’interesse del cliente,  aiutandolo a raggiungere i suoi obiettivi, usando solo strumenti efficienti. Senza conferimento del capitale e senza toccare i soldi del cliente. Solo consigli nel suo interesse, visto che la parcella è garanzia di indipendenza dal sistema.   Speriamo nel 2020, anche se probabilmente le banche riusciranno sempre a bypassare gli obblighi che via via arriveranno dai regolatori europei. 

Leggi il mio post

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi