Matteo Giovagnoni

Consulente finanziario

IV° 2020
III° 2020
II° 2020
Finecobank
Perugia, Firenze, Milano, Roma, Torino, Verona
-
Da 5 anni a 10 anni
Laurea specialistica
37 anni
790
30 marzo 2020
IV° 2020
III° 2020
II° 2020

Profilo professionale

Costruire il futuro con metodo
"Investire è semplice, ma non facile" Warren Buffett.Il mercato vive dell'incertezza, la ricerca di un protocollo per averne il massimo controllo è ciò che ha fatto diventare il mio lavoro una vera e propria PASSIONE.Ogni giorno mi appassiono nel costruire, organizzare e seguire Patrimoni di Clienti e Amici che da anni mi rinnovano la fiducia condividendo con me un’idea: “ Qualità e Consapevolezza prima di tutto”.Studi, esperienze e passione per la tecnologia mi hanno permesso di creare un Robusto Protocollo base adatto ad ogni investitore che fonde insieme innovazione e norme finanziarie.Applico i più efficienti protocolli di Risk Allocation "liability driven", utilizzati dai maggiori Fondi Pensione Internazionali, come il famoso Fondo Sovrano di Abu Dhabi o Norway’s Government Pension Fund Global o i più famosi lazy portfolio come l’All Season di Ray Dalio.Utilizzo un metodo di profilatura per il miglior rapporto Rischio/Rendimento atteso per rendere consapevole ciascun singolo Individuo ed Investitore.Scelgo i migliori Strumenti Finanziari al mondo dopo un’attenta analisi personale valutando sempre il rapporto costi/benefici per i clienti.Oggi viviamo nel mondo degli algoritmi e della tecnologia, diventa essenziale unire il lato umano alla efficienza delle “macchine”. Ogni portafoglio è monitorato H24 dal sistema informatico ADVICE, che controlla costantemente:
  • La QUALITA’, degli strumenti usati
  • La COERENZA con il profilo scelto dal cliente
  • L’EFFICIENZA, minimo rischio e massimo rendimento.
La professionalità umana e la perfezione tecnologica per il controllo degli investimenti ed avere la serenità di star facendo sempre le cose bene.C’è soprattutto anche altro nel fare Consulenza Finanziaria, e sta nella gestione emotiva durante il percorso di investimento.La finanza comportamentale ci insegna che nel lungo periodo i migliori risultati si ottengono mantenendo i giusti comportamenti ed evitando di cadere vittima di errori cognitivi come la paura, l’avidità e l’overconfidence.Il mio compito è anche quello di garantire consulenza ai comportamenti finanziari attraverso la razionalità e l’informazione costante. Tutto e sempre senza compromessi.“L’investimento di successo è un insieme di tecniche e di criteri che possono essere appresi, piuttosto che il prodotto di facoltà mentali uniche ed incomunicabili.” Benjamin Graham
Leggi di più

Le mie principali competenze

I miei credit

Le mie ultime attività

Se lo conosci, allora puoi investirci

08.02.2021 / 100 / 0

Gamestop, è stato il titolo e l’argomento del momento. Tanti, troppi, nemmeno sapendo di che azienda si trattasse o, peggio ancora, non avendo chiara la situazione in essere hanno tentato la fortuna “investendo” e sperando. Uno dei consigli che ha segnato il mio percorso professionale l’ho appreso da quello che da molti viene definito il più grande investitore di tutti i tempi: Warren Buffett. Investi in quello che conosci e in nient’altro La citazione sopra è una delle tante perle sugli investimenti regalata dall’oracolo di Omaha. Buffett è chiamato “l’oracolo di Omaha” oppure “il mago di Omaha”, per la sua sorprendente abilità negli investimenti finanziari. Si dedica agli investimenti azionari fin da giovanissimo; leggenda vuole che abbia iniziato a investire già a 11 anni, impiegando i risparmi ottenuti vendendo a scuola le bibite comprate nel negozio del nonno.   Ma torniamo al suo consiglio concentrandoci sul concetto di investire che potremmo definire come: impegnare del denaro per un periodo di tempo medio lungo.  Una scelta che richiede tempo per verificarne la bontà, perciò è fondamentale sapere in che cosa stai investendo, come funziona quello strumento finanziario, quali sono i costi ed i rischi ad esso associati. Sapere, per saper prendere la giusta e migliore soluzione. Che tu sia un investitore fai da te o, assistito da un Consulente Finanziario il consiglio resta valido. Reputi di poter investire autonomamente, allora prima di effettuare qualunque investimento assicurati di capirne il significato, di conoscere la società o il fondo che hai individuato e di aver fatto una corretta analisi personale. Questo può voler dire analizzare i bilanci delle società oppure verificare gli andamenti negli ultimi anni e lo stile di gestione dei fondi di investimento sui quali intendi investire oppure lo stile di replica dell’ETF che decidi di utilizzare per uno specifico mercato. Informati accuratamente, studia in modo da acquisire le giuste competenze e cerca di essere più razionale possibile verso i tuoi investimenti (anche se resta la cosa più complicata). Evita di scegliere la TUA soluzione in base alle mode del momento, o seguendo quello che stanno facendo tutti perché sicuramente sbaglierai (effetto gregge, è il nome di questo bias cognitivo). Facendo tutto questo allora potrai decidere se investire o meno. Se hai deciso di affidarti ad un Consulente Finanziario, il compito di conoscere a fondo le caratteristiche degli strumenti è ovviamente demandato a lui. Affidarsi ad un Professionista, significa sin da subito, delegare le scelte di investimento ma, fai attenzione che sia una delega consapevole. Ti stai chiedendo che significa? Adesso te lo spiego. Il Consulente Finanziario dovrà individuare la platea di strumenti idonei a costruire un portafoglio diversificato di strumenti finanziari in linea con il tuo profilo di rischio ed il tuo orizzonte temporale. Questo non è però sufficiente, anzi il valore aggiunto è un altro. Sebbene tu riponga ampia fiducia nel tuo Consulente è opportuno che quest’ultimo ti illustri in maniera semplice e comprensibile tutte le caratteristiche degli strumenti che ha scelto per te, dal loro funzionamento, ai costi, fino al rischio ad essi associato e relativo rendimento che è lecito attendersi. Ma soprattutto, il vero valore aggiunto del professionista, e renderti partecipe del processo di investimento offrendoti una metodologia chiara e ben delineata. Soltanto così potrai essere ampiamente consapevole. Ora la domanda che dovresti porti è: ho tutto chiaro dei miei investimenti? Se no, ci possono essere soltanto due spiegazioni: il tuo Consulente non si è espresso con la necessaria chiarezza oppure gli strumenti presentano delle caratteristiche troppo complicate e nebulose. In entrambi i casi, fin quando non ottieni una spiegazione sufficientemente chiara e comprensibile degli strumenti proposti hai soltanto una cosa da fare: non firmare nulla! E se non riuscirai ad ottenere una sufficiente consapevolezza degli strumenti proposti non fartene mai una colpa. Un bravo Consulente Finanziario deve essere in grado di illustrare le caratteristiche degli strumenti scelti in maniera semplice e chiara in modo che, quantomeno i tratti principali, possano essere compresi da chiunque. Il tuo Consulente non è riuscito a fornirti delucidazioni in maniera sufficientemente semplice e chiara? Ti consiglio di guardarti intorno alla ricerca di un altro professionista. Dopotutto si tratta dei tuoi risparmi e dei tuoi obiettivi finanziari, credo meritino le dovute attenzioni.  

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

INVESTIRE: come, dove, quando e perché

27.10.2020 / 572 / 0

Un botta e risposta su 5 temi fondamentali per investire consapevolmente.

Guarda il mio webinar

TESLA, BITCOIN e COMPORTAMENTI

19.01.2021 / 198 / 0

Siamo solo all’inizio di questo 2021, ma già si sta presentando come un anno dove si parlerà insistentemente di finanza comportamentale. In particolare sono due gli argomenti che hanno riacceso smanie di guadagni facili e bias di ogni genere: Tesla e Bitcoin. Il perché? sono schizzati alle stelle.   Attenzione, non starò qua a parlare di valutazioni, prossimi movimenti o possibilità di acquisto ma di come eventi del genere rischiano di minare gli investimenti.   Quanti di voi, contemporaneamente all’impennata dei titoli sono stati letteralmente investiti da flussi di notizie e assalti di venditori? Quanti galvanizzati hanno pensato di star perdendo un treno verso la ricchezza? Ed ancora, quanti forti di questo pumping generalizzato si sono sentiti strasicuri ed hanno acquistato? Tutto questo stress informativo non fa altro che mettere in moto il meccanismo delle emozioni, che spesso sono cattive partner per i nostri investimenti. I bias cognitivi, sono il frutto di questi procedimenti.  Il primo che si attiva è l’overconfidence, ossia l’eccesso di sicurezza. E’ facile accorgersene perché sui social impazzano post e commenti su acquisti di titoli, come quelli di cui ti ho scritto all’inizio, autocelebrazioni per i guadagni ed aumento spropositato dell’ego che fa credere agli scrittori di essere un mix tra i Buffett della porta accanto ed i Paolo Fox dello zodiaco finanziario. L’ego è talmente gonfio per questi “investitori” che si perde totalmente la cognizione di ciò che si sta facendo. Ecco che le REGOLE per Investire (non è scritto a caso con la maiuscola) vanno a farsi benedire, ci si crede dei fenomeni e tutti i metodi di gestione del rischio non valgono più. “Perché diversificare se con un titolo sono riuscito a raddoppiare?” “Se avessi messo un mese fa tutto sul Bitcoin, avrei guadagnato di più, anzi sarei ricco se l’avessi fatto qualche anno fa!” RIMPIANTO, ECCESSIVO OTTIMISMO ED ESTREMA SICUREZZA c’è di tutto in questi pensieri. "Bias del senno di poi" e“performance chasing” tecnicamente sono gli errori cognitivi che si commettono entrando in questo loop mentale. Volere andare alla continua ricerca della perfomance maggiore convinti che l’asset salirà ancora, se non stoppata per tempo, rischia di far dimenticare tutti i piani finanziari costruiti con criterio e con rendimenti frutto di pazienza e perseveranza ma con serenità perché risultato di un processo di investimento tarato sulla propria “parametratura di rischio”   Ti ricordi all’inizio quando ho scritto investitori tra virgolette?  Adesso dovresti aver capito il perché ma soprattutto il perché devi stare alla larga da tutto cio. Ma voglio farti un altro esempio ormai conosciuto dai più che spiega esattamente perché le emozioni sono il peggior nemico per i tuoi investimenti. Tutti avrete sentito parlare almeno una volta del mitico fondo Magellan entrato nella letteratura finanziaria per il suo rendimento annualizzato del 29% ma anche perché l’investitore medio ha riportato a casa rendimenti NEGATIVI. Ti stai chiedendo come sia possibile immagino, ma fidati è semplice. Gli investitori compravano il fondo quando saliva, e faceva notizia, e vendevano ad ogni ribasso.  Niente regole, ma solo operazioni di pancia arrivando sempre in ritardo. Questo è il rischio che vorrei evitassi anche in questo 2021. Non sto parlando di che consciamente sta facendo qualche “scommessa” con una parte del patrimonio minima dedicata ad operazioni speculative con criterio, ma di chi sta lasciando il proprio futura finanziario al caso. Avere un protocollo di investimento si dall’inizio con sistemi di gestione e controllo del rischio ben solidi e strutturati permette di difendere te ed il tuo patrimonio da te stesso, o meglio dalle tue emozioni e dalle sirene ammaliatrici dei mercati. Dimenticarsi dei fondamentali a causa dei bias affrontati sopra rischia di farti pagare un conto salato, ma soprattutto di aver perso tempo senza spenderlo nel mercato nella giusta maniera.

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi