Marco Minotti

Consulente finanziario

I° 2021
III° 2020
II° 2020
I° 2020
2019
Allianz Bank Financial Advisors Spa
Como, Lecco, Milano, Monza e della Brianza, Varese
-
-
-
-
982
10 ottobre 2018
I° 2021
III° 2020
II° 2020
I° 2020
2019

Profilo professionale

Amo il mio lavoro, ma soprattutto le persone. Mi piace aiutare le famiglie a vivere meglio e farle sentire al sicuro. Dal 2002 mi occupo con passione e dedizione all’analisi dei rischi personali e aziendali, alla pianificazione finanziaria e relativo studio dei mercati finanziari. Da quella data sono infatti consulente assicurativo per Pini e Boleso per prodotti come polizza vita, infortunio, tutela legale, fondi pensione. Rappresento Allianz, Aviva, Arag. Nel 2005 ho preso incarico anche per la pianificazione finanziaria per conto di Rasbank, poi diventata AllianzBank (uno dei primi gruppi assicurativo/bancario al mondo per rating). Il mio compito come Financial Advisor è quindi quello di gestione e sviluppo di portafogli finanziari, che aiutano i miei clienti a costruire il proprio futuro. Dal 2003 sono iscritto all'albo dei promotori finanziari, mentre dal 2007 sono iscritto all'albo degli intermediari assicurativi. Dopo quasi quindici anni di esperienza lavorativa ho acquisito competenze profonde che mi consentono di suggerire le soluzioni più efficaci per una gestione dei risparmi di oggi e la creazione di capitali per un domani, oltre alla tutela di vari rischi personali e professionali.
Leggi di più

Le mie principali competenze

I miei credit

  • Iscritto dal 2003 all’albo dei Promotori Finanziari, delibera n. 14326
  • Iscritto dal 2007 all’albo degli Intermediari assicurativi, Sezione E n. E000158244 Allianz, Aviva, Arag, Assimedici
  • Da luglio 2005 a oggi - Financial Advisor presso AllianzBank SpA
  • Da aprile 2002 a oggi - Consulente assicurativo presso Pini e Boleso
Leggi di più

Le mie ultime attività

Difendiamoci da una situazione prevedibile

07.06.2021 / 54 / 2

A causa della forte salita del prezzo di materie prime fondamentali, assisteremo probabilmente a una inflazione generalizzata. Il consumatore non ha ancora visto i suoi effetti, ma può prevederli: per questo rimane importante gestire i propri risparmi attraverso una buona diversificazione. Torniamo al tema dell’inflazione: nelle ultime settimane stiamo assistendo ad una forte risalita del prezzo delle materie prime. In particolare, sta aumentando il prezzo del petrolio e del rame, entrambi fondamentali nella produzione di numerosi prodotti e infrastrutture. In un contesto di stimoli monetari mai visti come questo, non è molto chiaro quanto a lungo durerà la pressione sui prezzi, soprattutto negli Stati Uniti. Questa situazione non si è ancora scaricata totalmente sul consumatore finale, ma presto ne vedremo gli effetti anche su quest’ultimo. Molto probabilmente, l’uscita da questa crisi sarà caratterizzata da un’inflazione generalizzata. In questo momento, le banche centrali si tengono alla finestra per evitare mosse che portino troppo presto alla normalità. Sul fronte dei mercati, ci si aspetta volatilità sia per quanto riguarda l’obbligazionario, con le inevitabili pressioni legate a rendimenti bassi e spread ridotti, sia per quanto riguarda la rotazione azionaria, in cui le aspettative di rialzo dei tassi d’interesse stanno agevolando la rotazione verso azioni con minore sensibilità ai tassi (Ciclici Value). In conclusione, stiamo assistendo a una situazione prevedibile, che dovrà essere gestita tramite una buona diversificazione e con la classica gradualità nell’entrata nei mercati, ma soprattutto lasciando maggiore delega al gestore nelle scelte d’investimento.  

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

Stiamo vivendo una crisi economica e non una crisi finanziaria, come reagire

12.03.2020 / 522 / 0

Il crollo improvviso della domanda ha fatto scendere le quotazioni dei mercati di tutto il mondo

Ascolta il mio podcast

Ascolta tutti i miei podcast

Tipi di inflazione: come evitarla?

03.06.2021 / 36 / 0

L’inflazione è una parola che sentiamo spesso, forse però non tutti sanno che ne esistono varie tipologie e che c’è un modo per evitare di “cadere” nella sua trappola: la pianificazione. In queste settimane sentiamo spesso parlare di inflazione, ma cos’è esattamente? L’inflazione è il processo di costante aumento dei prezzi che determina una diminuzione del potere di acquisto della moneta. Di conseguenza, per acquistare una stessa quantità di beni o servizi si renderanno necessarie sempre maggiori quantità di moneta. Esistono varie tipologie di inflazione, in particolare: La deflazione o inflazione negativa, che determina il declino del livello medio dei prezzi Strisciante: si tratta di un’inflazione minima o poco appariscente entro il 5% annuo Vivace: un tipo di inflazione che oscilla tra il 5 e il 10% annuo Galoppante: inflazione che può andare oltre il 10% Iperinflazione: si tratta di un’inflazione caratterizzata da un aumento molto veloce ed elevato dei prezzi, che possono arrivare anche sopra il 100% Per quanto riguarda la nostra Penisola, ci troviamo in una fase di inflazione strisciante e comunque sotto controllo, e che verosimilmente non dovrebbe superare il 2,5%. Per tanto, se lasciamo i nostri soldi sul nostro conto corrente senza investirli, avremo a fine anno un potere d’acquisto ridotto di circa il 2/2,5%. Se non si decide di pianificare degli investimenti programmati in base ai propri obbiettivi di vita, abbiamo la certezza di perdere costantemente potere di acquisto, come se ci fosse una tassa invisibile sul nostro patrimonio. Come possiamo evitare questa penalizzazione? Per quanto riguarda l’inflazione nello specifico, esistono molte strategie che lavorano nell’ottica di combattere l’inflazione in maniera efficace (Inflation linked), prodotti con ampia delega gestionale. D’altro canto, la consueta diversificazione ci permette di evitare gli impatti inflattivi e cavalcare le opportunità, soprattutto legate al mercato azionario relativo alla Reflazione.  

Leggi il mio post

Leggi tutti i miei post

La pubblicazione della pagina profilo è a cura e su iniziativa personale del singolo consulente. MoneyController non si assume alcuna responsabilità in merito ai contenuti pubblicati dal consulente e a quelli accessibili attraverso link a siti web esterni citati dal consulente.

Condividi